Home Municipi Municipio IX

Falcognana: anche il Capitano contro la Discarica

SHARE
capitanofalcognana

È polemica fra i cittadini di Falcognana e il Vice Sindaco Nieri

LA FOTO – del Capitano della Roma, Francesco Totti, che mostra una maglietta contro la Discarica al Divino Amore, in poche ore ha fatto il giro del web. Lo scatto sarebbe stato ‘richiesto’ da Don Fernando, il parroco del Santuario del Divino Amore, a pochi chilometro dal sito della discarica di Car Fluff: “Gli ho inviato questa maglietta – spiega Don Fernando – e lui come sempre è stato molto disponibile a farsi fotografare”. Migliaia le visualizzazioni e i commenti dei cittadini: c’è chi ringrazia ‘il Capitano’ per la presa di posizione contro l’indicazione del sito di Falcognana, ma anche chi suggerisce a Totti di indossare la maglietta sotto quella della Roma e di mostrarla alle telecamere dopo il suo prossimo goal. 

 

DAL CAMPIDOGLIO – È il Vice Sindaco, Luigi Nieri, a commentare la fotografia di Francesco Totti: “Le battaglie ambientali sono sempre importanti. Il Capitano é sempre attento e sensibile alle problematiche della gente e fa bene”. Ma è il resto della dichiarazione rilasciata dal Vice di Marino a far indignare i comitati schierati contro la Discarica di Falcognana: “Va ricordato, però che il problema dei rifiuti é un problema enorme che abbiamo ereditato con la differenziata inesistente e Malagrotta che doveva essere chiusa perché i problemi ambientali erano grossi. Problemi ereditati dalla Polverini e da Alemanno che hanno deciso di non scegliere arrivando al commissariamento e questo ha fatto saltare tanti passaggi della gestione democratica della vicenda. Noi stessi abbiamo saputo solo alla fine dell’individuazione del sito di Falcognana che, lo ricordo, non é stata scelta da noi. Adesso bisogna tranquillizzare i cittadini e lo stesso Totti. La discarica – conclude Nieri – che già esiste e verranno scaricati solo rifiuti trattati, cioè inodore”.

LA REPLICA – Il Presidio No Discarica Divino Amore replica con durezza alle parole del Vice Sindaco: “Sorprende la dichiarazione del vice sindaco di Roma, Luigi Nieri, che, con i soliti falsi proclami, tenta in extremis di tranquillizzare i cittadini sulla discarica di Falcognana. Il vice sindaco – continua il Presidio – probabilmente non conosce il dato complessivo sui rifiuti di Roma, dove finora nessun risultato si è dimostrato rassicurante. Va stigmatizzato l’atteggiamento piratesco di Nieri, che non solo si nasconde dietro alle proprie responsabilità, ma si lava le mani per quanto concerne l’individuazione del sito di Falcognana”.

LE RICHIESTE DI CONFRONTO – Dal Presidio vengono nuovamente tirate in causa anche le altre istituzioni coinvolte nella vicenda dell’indicazione del sito: “Zingaretti, intanto, continua la sua linea del silenzio. Quando il governatore del Lazio si confronterà con il presidio? E quando lo farà Ignazio Marino, che nell’incontro del 5 agosto ci aveva promesso un’ampia documentazione sul sito della Falcognana. Dove sono queste carte? Perchè ancora tanta reticenza nel rendere pubbliche relazioni ad oggi secretate in una modalità del tutto unilaterale? Sembra di assistere al teatro dell’assurdo – sottolinea il presidio – con silenzi, omissioni e proclami che invece di rassicurare alimentano i dubbi e le perplessità. E ancor più grave l’ignorare la grave tensione sociale che si sta alimentando tra in residenti”. È ormai da un mese che i cittadini chiedono un confronto diretto con Zingareti e con Marino: “Si assiste a uno scarica barile in cui ognuno evita di assumersi la responsabilità – sottolinea il Presidio riferendosi anche alle dichiarazioni del Sindaco Marino – L’assoluta inaffidabilità di questa giunta in fatto di rifiuti è palese, ed è legata alle sconsiderate dichiarazioni del sindaco Marino che, prima parla di raggiungere la raccolta differenziata al 70% e poi afferma che bisogna essere realisti e trovare un sito per una nuova discarica che dovrà servire Roma e provincia per i prossimi 10 anni, il tempo necessario per raggiungere il massimo livello di differenziata porta a porta”.

Leonardo Mancini