Home Municipi Municipio IX

La Federazione Krav Maga Italia si tinge di rosa

SHARE
kravmaga

La Federazione Krav Maga Italia organizza uno stage gratuito di antiaggressione femminile

In occasione dell’imminente Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne (che si terrà il 25 novembre) la Federazione Krav Maga Italia organizza il 24 novembre dalle 9.30 alle 12.30 uno stage gratuito di antiaggressione femminile presso il centro sportivo Fonteromaeur di via Andrea Meldola 27.

“Vivere sicure… si può”. È questo il titolo di un’iniziativa che si pone l’obiettivo di rimarcare l’utilità di un’adeguata conoscenza delle principale tecniche di autodifesa e di gestione del pericolo. Valerio Pappalardo, istruttore federale e direttore tecnico dello stage, spiega l’importanza dell’evento: “E’ ormai da molto tempo che, seguendo l’esempio offerto dalle altre nazioni, stiamo cercando di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’argomento per rendere le nostre palestre sempre più frequentate da donne. Il problema infatti è che molto spesso i corsi vengono svolti in orari scomodi o a prezzi elevati, fattore che tende ad allontanare e a demotivare l’iscrizione”.

In un simile scenario, diventano dunque fondamentali appuntamenti simili per promuovere una disciplina nobile e articolata come il krav maga: “La disciplina nasce nel 1950 ed attinge le sue arti da numerose discipline quali il Ju-Jitsu, il muay thai, il karate, la boxe”, sottolinea l’istruttore federale, “ma nel corso delle nostre lezioni insegniamo anche tecniche per imparare a controllare il panico e lo stress”.

Assumere il pieno controllo del corpo e dello spirito: è questa la chiave di volta di una pratica sportiva capace di proiettare i suoi benefici effetti anche nella quotidianità, come ricorda Valerio Pappalardo: “Faremo il possibile per rendere il seminario sufficientemente esaustivo. Il nostro obiettivo è quello di rilasciare una sorta di “foglio di rosa” che fornisca a tutte le partecipanti la conoscenza basilare delle tecniche fondamentali per monitorare e allontanare ogni tipo di atteggiamento minaccioso o intimidatorio”.

Il corso, aperto anche ai minori di 18 anni, previa presentazione della liberatoria firmata dal genitore, è patrocinato dall’ASI (Associazioni Sportive e Sociali Italiane) e dalla Federazione Krav Maga Italia.

Simone Dell’Unto

 

SHARE