Home Municipi Municipio IX

Il Sentiero del Pellegrino torna d’attualità

Da Garbatella al Divino Amore: dopo 22 anni se ne ridiscute

SHARE
via Ardeatina targa

DIVINO AMORE – Alla fine dello scorso novembre il Municipio IX approvò una risoluzione per la realizzazione del Sentiero del Pellegrino, un percorso religioso in direzione del Santuario del Divino Amore. Ora l’idea è arrivata in Commissione Turismo di Roma Capitale grazie a un atto presentato in Comune da Fdi.

PRONTO PER IL 2000 – Nel settembre del 1995 il Rettore del Santuario sottopose l’idea al Comune, allora impegnato nell’organizzazione del Giubileo del 2000. Il Sentiero sarebbe stato lungo 15 km. Da via delle Sette Chiese per il Parco dell’Appia Antica, e ancora da via di Torricola al Santuario, passando attraverso sentieri interpoderali e altri tracciati da realizzare.

LA DISCUSSIONE – “Valorizzare i percorsi che possono essere adibiti a cammini o pellegrinaggi – ha commentato la Presidente della Commissione Turismo, Consigliera del M5S, Carola Penna – è un modo interessante per visitare luoghi, anche meno noti”. In Commissione, l’idea del Sentiero, supportata anche dalla narrazione di Mons. Silla, ha trovato pareri favorevoli in tutte le forze politiche. “Il documento proposto da Fdi, già accolto dalla maggioranza municipale, oggi è approdato in Campidoglio – spiegano il Consigliere municipale Massimiliano De Juliis e quello comunale Andrea De Priamo – Un percorso ciclo pedonale in grado di avere non solo una funzione religiosa ma anche turistica”.

FINANZIARE IL SENTIERO – Il Sentiero dovrà passare in Assemblea, ma poi sarà necessario attivarsi per trovare i fondi per realizzarlo, che potrebbero essere quelli “messi a disposizione del Ministero dei Beni Culturali e del Turismo per il parco archeologico dell’Appia Antica – spiega De Juliis – quelli per i cammini religiosi oppure quelli della Regione Lazio per itinerari e cammini del Lazio”. Purtroppo ancora non si possono valutare i costi definitivi del percorso: “Il progetto ha più di 16 anni – conclude De Juliis, contando dalla sua approvazione – dovrà certamente essere attualizzato”, cose che succedono quando passano gli anni e le buone idee restano in un cassetto.

Leonardo Mancini

Tratto da Urlo n.144 marzo 2017