Home Municipi Municipio IX

Il Teatro Mobile arriva a Trigoria

SHARE
teatro-1

Quando l’Estate Romana si sposta in periferia

IL TEATRO MOBILE – Anche nel quartiere di Trigoria, grazie all’interessamento dell’Assessora alla Cultura municipale, Laura Crivellaro, e della Presidente dell’Associazione Laurentes, Laura Pasetti, sta arrivando un’interessante appuntamento inserito nella programmazione dell’Estate Romana 2015: Un Teatro Mobile per la Città Rete. L’iniziativa, realizzata con il sostegno di Roma Capitale in collaborazione con la Siae, viene portata avanti da la Cantera Teatrale, che propone una manifestazione sperimentale incentrata sull’utilizzo del Teatro Mobile: “Un furgone magico che si apre ed è subito spettacolo!”.

I BLITZ TEATRALI – Il Teatro Mobile è pensato come strumento per una serie di ‘incursioni metropolitane: delle rappresentazioni improvvisate, dei veri e propri blitz con eventi a sorpresa toccheranno i luoghi più disparati, e diventeranno occasioni di incontro, spettacolo ed esperimento. Il ‘testo-pretesto’ messo in scena sarà “Ascesa e caduta della città di Mahagonny”, opera di Bertolt Brecht con le musiche di Kurt Weill. La manifestazione avrà sede in diversi luoghi ed eventi, tra i quali l’Università La Sapienza, Villa Mirafiori, la Rassegna Effetto Notte, il Mercato Laurentino, San Paolo e Trigoria. Mentre il 13 luglio, alle ore 21.00, la Città dell’Altra Economia ospiterà la Presentazione Finale. Il progetto è curato da Marcello Cava, drammaturgia di Pina Catanzariti e musiche dal vivo a cura di Tiziana Lo Conte, Roseluxx.

IL TEATRO MOBILE ARRIVA A TRIGORIA – Venerdì 10 luglio il Teatro Mobile farà tappa nel quartiere di Trigoria in via Alessandrini 64 per proporre il suo spettacolo ai cittadini di questo quadrante. “Laurentes ha accolto con entusiasmo l’idea di aderire al progetto Teatro mobile – scrivono dall’Associazione – soprattutto nelle periferie, infatti, l’idea di portare “a domicilio” la cultura coinvolgendo direttamente i cittadini e risvegliandone la curiosità sopita e la voglia di condivisione, è innovativa e futuristica, prodromo di un progetto di più ampio respiro che nel tempo cementerà e amplificherà lo spirito coinvolgente della condivisione tra realtà associative territoriali”.