Home Municipi Municipio IX

Inaugurato il nuovo Luneur

SHARE
luneur park apertura3

Dopo 8 anni il luna park riapre ma con attrazioni per bambini da 0 a 12 anni

L’INAUGURAZIONE – Giovedì 27 ottobre ha riaperto, a 8 anni dalla chiusura, il luna park di Roma sull’area che un tempo ospitava il Luneur costruito nel 1953. Tanti sono stati in passato gli annunci di riapertura presto disattesi: solo per citarne alcuni si parte con le previsioni per ottobre 2010, a distanza di due anni dalla chiusura del Parco. Poi gli annunci sono divenuti inarrestabili: aprile 2013, 2014, 2015, maggio 2016 fino ad arrivare al 27 ottobre.

Anche se il nome è lo stesso il parco dei divertimenti è ben diverso dalla sua vocazione originaria, essendo dedicato esclusivamente ai più piccoli nella fascia d’età da 0 a 12 anni. Presenti all’inaugurazione il Presidente di Eur Spa, Roberto Diacetti, l’Amministratore Delegato di Luneur Park, Filippo Chiusano e il Presidente di Luneur Park, Antonio Abete. Una grande festa che ha visto la posa di più di 500 girandole colorate che ha fatto valere al Parco il Guinness dei primati per questa impresa, gufi colorati e personaggi che traghetteranno i bambini in varie esperienze e avventure e un nutrito pubblico di curiosi, addetti ai lavori e nostalgici del parco dei divertimenti romano.

COME FUNZIONA – il Luneur Park ha un ingresso a pagamento di 2,5 euro (i bambini fino a un anno non pagano). All’interno le attrazioni si pagano con le Lunalire, la moneta di scambio del parco, del valore di un euro ciascuna. Esistono delle forme di abbonamento: 15 Lunalire + 3 Lunalire in omaggio costano 15 euro, 22 lunalire + 8 lunalire in omaggio costano 22 euro e 29 lunalire + 13 in omaggio costano 29 euro. Ci sono giostre, attrazioni, percorsi e laboratori di vario tipo e i prezzi vanno da 1 a 8 Lunalire.

LE ATTRAZIONI – La novità più rilevante del nuovo parco dei divertimenti è il voler creare un’esperienza didattica, oltre che di divertimento, per i bambini. Per questo sono stati pensati vari laboratori e percorsi come il Labirinto della Lunasfera con tanto di cinema 7d, “Acchiappa l’insetto”, un modo per studiare il piccolo ecosistema che ci circonda, “Mostri a 6 zampe” in cui vengono indagati tutti quegli animali provvisti di questa particolare conformazione, “Ali di Foglia”, un laboratorio creativo, “Pianta la Pianta” per scoprire la magia della botanica, il “Magic Theatre” in compagnia di Dinocroc Hocus & Lotus. All’interno, inoltre, si possono trovare varie giostre meccaniche (sempre, lo ricordiamo, solo per un pubblico da 0 a 12 anni) e alcuni giochi di abilità.

{gallery}slide/luneur_park_apertura{/gallery}

 

COSA È RIMASTO DEL VECCHIO LUNEUR – Il nuovo Parco è nato sulla struttura del vecchio Luneur. Ma cosa è rimasto dello storico lunapark meccanico che oggi non esiste più? Sicuramente l’area è ancora ben riconoscibile, con il suo laghetto e le sue vie mattonellate rimaste simili all’originale. Ci sono ancora le strutture di alcune vecchie attrazioni, quali tre case dell’orrore (tra cui quella con l’immancabile civetta), il Rotor e il Treno delle Miniere, rimaste solo a fare scenografia quindi non funzionanti. Le vecchie attrazioni del Brucomela e della Ruota Panoramica, invece, fanno parte del bacino di giostre fruibili dal pubblico.

IL FOOD – Per quanto riguarda la ristorazione ci sono alcuni punti che vendono zucchero filato, pop corn e gastronomia fredda, più un ristorante fasto food. Nel dettaglio: “La dolceria” di Giselda, che con il suo forno storico di Trastevere è diventata un punto di riferimento per il cibo fatto come una volta. Qui la proposta è una vasta gamma di dolci da forno e pasticceria; “La Civetteria” dedicata alla gastronomia fredda; “Casa Algida” per il gelato; “FOL” in linea con lo stile americano produrrà pop corn come se piovesse; per finire la ristorazione vera è propria è stata affidata a Mc Donald, la catena di fast food americana più famosa al mondo.

I PROSSIMI APPUNTAMENTI – Fino a domani l’appuntamento è con la festa di Halloween (14 euro a persona con accesso illimitato alle giostre, alle animazioni e ai giochi speciali). Il 5 novembre inaugurerà il Villaggio di Babbo Natale, il 7 novembre il mercatino natalizio mentre a metà del mese si potrà accedere alla pista di pattinaggio. Il Luneur sarà visitabile fino al 9 gennaio, poi chiuderà per due mesi per la pausa invernale.

Serena Savelli