Home Municipi Municipio IX

La festa-protesta dei genitori e dei bambini dell’Eur: necessaria una scuola media nel quartierie

SHARE

Il 23 dicembre genitori e bambini hanno chiesto a gran voce una scuola media per l’Eur
In tempi di ridimensionamento scolastico, approvazione del ddl Gelmini e in un clima di grande attenzione attorno alla scuola una “festa” come quella promossa dal Comitato dei genitori della scuola di via dell’Elettronica il 23 dicembre  sulle scalinate della Basilica dei Ss. Pietro e Paolo assume senz’altro una rilevanza maggiore. I bambini sono stati al centro dell’iniziativa, alunni delle scuole di tutto il XII Municipio che si sono ritrovati insieme per consegnare una maxi lettera a Babbo Natale dove si chiede, appunto, l’apertura di una nuova scuola media nel quadrante Eur, che è l’unico all’interno del Municipio a non avere una struttura del genere.  Così si legge nella lettera: “momento nel quartiere manca una struttura dedicata e siamo forzati a stare stretti nelle nostre scuole. All’Eur ci sono molti edifici di proprietà pubblica vuoti, perché non ci aiuti a realizzare per l’anno prossimo una nuova scuola? Noi promettiamo di essere bravi studenti e di contribuire così al futuro del nostro paese”. Un appello che parte dagli studenti e, passando per Babbo Natale,vuole arrivare al Sindaco, sollecitando le autorità competenti per fare in modo che il problema venga preso in considerazione. Non di un regalo si tratta infatti, ma di un’esigenza della popolazione e di una necessità del territorio, che è provato dalla mancanza di plessi scolastici. La situazione attuale infatti vede tre classi della scuola media ospitate presso la scuola elementare di via dell’Elettronica, una convivenza che porta non pochi disagi, non da ultimo quello della mensa spalmata su tre turni per venire incontro all’esigenze di tutta la scolaresca oltre alla soprressione di una classe, dello spazio destinato agli spettacoli e di un laboratorio. A denunciare ancora una volta l’anomalia è Federico Siracusa(Idv), Vice Presidente del Consiglio del Municpio XII, che alla vigilia dell’iniziativa aveva dichiarato: “I bambini dell’Eur, per tentare di sensibilizzare la politica e l’Eur Spa sul problema della mancanza di una scuola media all’Eur, indirizzeranno una lettera aperta a Babbo Natale per richiedere il diritto ad avere un ciclo di studi completo dalla scuola dell’infanzia alla scuola media anche nel quartiere Eur, scrive in un prosegue Siracusa.” E infatti la festa-protesta è avvenuta proprio dove campeggia l’installazione dell’Eur spa, sulle scale della Basilica dei Ss. Pietro e Paolo, come monito e richiesta nei confronti dell’Ente partecipato dal Ministero dell’Economia e dal Comune che controlla buona parte degli immobili storici presenti nel quartiere, ad attivarsi affinché, tra i numerosi edifici che restano vuoti e inutilizzati, si individui una sede in grado di ospitare la scuola media tanto invocata. Siracusa ha concluso: “Tutti i quartieri del Municipio XII hanno la loro scuola media pubblica: Mostacciano, Torrino nord, Torrino sud, Ferratella, Spinaceto, Fonte Meravigliosa, Laurentino, Ardeatina, Giuliano Dalmata, Fonte Laurentina, Trigoria, Vallerano, Torrino Mezzocammino (di prossima apertura) ma l’Eur, incredibilmente, non ce l’ha. I bambini dell’Eur ripongono le loro speranze in Babbo Natale”. Babbo Natale è passato e di certo non compete a lui dare i servizi necessari per il territorio, per questo motivo l’auspicio è che l’Amministrazione comunale possa tenere in considerazione le istanze dei genitori e dei bambini che hanno animato l’evento dell’altro giorno e anche di chi, pur non essendo lì presente, fronteggia ogni giorno un disagio che di certo non giova all’immagine e alla qualità della vita di un quartiere vitale per la città come l’Eur.

Stefano Cangiano