Home Municipi Municipio IX

Municipio IX: il centro destra e il ‘libro dei sogni’ della maggioranza

SHARE
Il Municipio IX-4

De Juliis: “Gli atti votati dalla sinistra sono solo a fine elettorale”

LO SCONTRO – La campagna elettorale è iniziata e con essa partono i primi scontri nei municipi di Roma. A partire all’attacco in questo caso è il centro destra del Municipio IX, con il Capogruppo di FI, Massimiliano De Juliis che punta il dito contro gli atti approvati dalla maggioranza in Consiglio.

GLI ATTI VOTATI IN MUNICIPIO IX – “In questo ultimo periodo – racconta De Juliis – stiamo assistendo ad una proliferazione di atti politici che richiedono realizzazione di parchi, decine di nuove strade da illuminare, potature di alberature per un impegno di spesa di circa 2,5 milioni di Euro”. Fin qui tutto bene, sono tutti interventi attesi con ansia dalla cittadinanza, ma il consigliere forzista aggiunge: “Tutto ciò avviene solo per mostrare ai cittadini, a quattro mesi dalle elezioni, che la sinistra sta facendo qualcosa. Per capire che sia tutta una presa in giro basta osservare che, in questa consiliatura, l’80% dei documenti che sono stati votati dal Consiglio Municipale non si sono mai trasformati in azioni concrete. Ora vorrebbero farci credere che si può fare tutto?”.

IL LIBRO DEI SOGNI – La convinzione del Capogruppo De Juliis nasce dal conto delle opere realizzate e delle manutenzioni effettuate in questa ultima consiliatura: “Negli ultimi anni la periferia del Municipio non ha visto una nuova strada asfaltata, una illuminata, un parco giochi realizzato o sufficientemente manutenuto, centri culturali come L’Elsa Morante chiusi dall’estate, scuole che cadono a pezzi, asili senza lavatrici –seguita – La sinistra, non potendo sbandierare i risultati raggiunti, avvia la campagna elettorale scrivendo il libro di sogni che rimarranno tali”.

LeMa