Home Municipi Municipio IX

Nel Municipio IX parte la differenziata e torna l’incubo discariche

SHARE
cavaselvottarid

Si starebbero concentrando su tre aree, tutte nel Municipio IX, le attenzioni del comitato tecnico del commissario Sottile per la scelta del sito alternativo a Malagrotta

 

PROPRIO NEI GIORNI DEL PORTA A PORTA – torna per i cittadini del Municipio IX l’incubo di una discarica sul loro territorio. Con la partenza della raccolta porta a porta, più volte richiamata come l’unico sistema per evitare nuove discariche, si torna a parlare di aree presenti sul territorio municipale come siti idonei a diventare l’alternativa a Malagrotta. Il presidente del Municipio IX, Andrea Santoro, ha voluto precisare che i cittadini del Municipio, “in questi giorni impegnati in una complessa iniziativa per la raccolta dei rifiuti porta a porta, non meritano di subire un metodo che esclude la loro amministrazione di prossimità nelle scelte che riguardano il territorio in cui risiedono”, soprattutto su temi così importanti e delicati come una nuova discarica, sia pure essa di rifiuti trattati.

LA NOTIZIA – dell’interessamento da parte del comitato tecnico è pervenuta solo attraverso gli organi di stampa e non con comunicazione ufficiale, riguarderebbe tre cave di inerti (materiali usati nelle costruzioni): due ancora in uso, una terza dismessa. Quella che, a detta del Messaggero, starebbe attirando maggiormente l’interesse dei tecnici dell’ufficio del commissario, della Provincia, del Comune e della Regione, è in località Selvotta, oltre il Grande raccordo, nei pressi della Laurentina dove, in queste ore, si starebbero svolgendo tutte le verifiche.

DAL MUNICIPIO – non arriva alcuna conferma di queste notizie, infatti è lo stesso presidente, Andrea Santoro, a dirsi dispiaciuto nel “constatare che ad oggi non mi è pervenuta alcuna comunicazione in merito all’ipotesi, che apprendo con stupore dagli organi di stampa, di collocare la nuova discarica in località Selvotta o in altro sito del Municipio IX. A tal proposito – prosegue il minisindaco – ho inviato una lettera al Commissario per l’Emergenza Rifiuti di Roma Prefetto Goffredo Sottile, perché ritengo assolutamente sbagliato non coinvolgere l’istituzione più vicina alla comunità su un tema così delicato quale è quello del ciclo del trattamento dei rifiuti”.

LA MOBILITAZIONE – in attesa di nuove notizie, questa volta ufficiali, i cittadini di Selvotta si stanno organizzando per contrastare l’opera. È stato indetto, per il 25 luglio prossimo alle ore 17,30 all’interno del parco pubblico di Monte Migliore in via Alessandro Vivenza 19, un dibattito pubblico aperto a tutti i cittadini per esprimere la netta contrarietà alla nuova discarica.

Leonardo Mancini