Home Municipi Municipio IX

Pallotta punta i piedi: lo Stadio della Roma entro il 2020 oppure vado via

La delibera è ancora attesa in Assemblea Capitolina, mentre dalla Società giallorossa continua il pressing per stringere i tempi

SHARE
stadio roma rendering notte

 

IL BOTTA E RISPOSTA – Botta e risposta nella giornata di ieri tra il Presidente della Roma James Pallotta e il numero uno del Coni Giovanni Malagò. Le due dichiarazioni, nonostante siano state riportate da molti quotidiani in maniera contrapposta, sembrano entrambe rivolte all’Amministrazione Raggi e ai tempi stretti per l’approvazione del pubblico interesse per lo Stadio di Tor di Valle.

LE DICHIARAZIONI – “Il nuovo Stadio? – ha dichiarato Pallotta nella serata di domenica prima di lasciare l’Olimpico – Dovrebbe essere pronto nel 2020 e se non sarà così ci sarà un nuovo proprietario perchè io non sarò più da queste parti e tornerò a casa”. Sembra chiaro l’invito fatto al Campidoglio da parte della Società giallorossa a stringere i tempi, portando in Aula al più presto la delibera sul nuovo progetto. Il commento di Malagò arriva invece ieri, a margine di un evento sempre allo Stadio Olimpio: “La Roma è una società con finalità commerciali ed è chiaro che lui vuole remunerare il suo investimento o al limite farne degli altri e migliorare lo stato dell’arte. Mi sembra indispensabile che questo avvenga. Se sono ottimista? – conclude – Sì, ma certo è tutto molto complicato in queste cose”.

I TEMPI – Intanto sempre nella giornata di ieri è il presidente dell’Assemblea Capitolina, Marcello De Vito, a spiegare che la delibera ad hoc arriverà in giunta capitolina subito dopo il ponte del 2 giugno, per andare in Aula nella settimana tra il 12 e il 18 giugno. A quanto si apprende per il M5S la deadline per l’ok è il 15 giugno, mentre già in questa settimana l’Assessore Montuori potrebbe spiegare i contenuti della Delibera ai capigruppo d’opposizione. L’intero iter, per il quale potrebbero dover essere ascoltati anche i Municipi interessati dall’intervento, si dovrebbe concludere entro il 15 giugno prossimo, margine deciso dalla Regione Lazio per non azzerare completamente quanto fatto fino ad oggi dalla Conferenza di Servizi.

LeMa

SHARE