Home Municipi Municipio IX

Prostituzione all’Eur: val bene un Consiglio Tematico

SHARE
prostituzioneeur

Ma dall’opposizione arrivano le polemiche: “non ascoltano le nostre proposte”

 

IL CONSIGLIO TEMATICO – Giovedì 10 aprile si è svolto un Consiglio Municipale sul tema della prostituzione con due ordini del giorno presentati dalla maggioranza municipale volti al contrasto del fenomeno.

I DUE DOCUMENTI – votati all’unanimità, sono stati presentati dalle elette della maggioranza Ilaria Gatto (Pd), Paola Vaccari (Pd), Claudia Pappatà (Pd) e Sonia Cardillo (Sel). Nel primo documento si legge che “la prostituzione non è unicamente un rilevante problema di ordine pubblico ma una questione sociale che coinvolge tutti i cittadini. La società nel suo insieme è responsabile di questo fenomeno drammatico e crescente, che matura nella disperazione e nel disagio sociale, ed è frutto anche di una cultura dell’intolleranza, della sopraffazione , della mercificazione del corpo femminile, dello svilimento della dignità delle donne, dell’aggressione alla loro integrità fisica e morale”. Il dispositivo di questo primo testo è chiaro, impegna infatti il Presidente e la sua Giunta “A costituire, di concerto con gli uffici preposti di Roma Capitale affinché attuino tutti gli interventi possibili ispirati alla legalità ed alla diminuzione del fenomeno della prostituzione sino alla sua graduale eliminazione; a lavorare “in rete” per ottimizzare le risorse coordinando gli interventi con il Comune di Roma e con la Regione Lazio, per attivare progetti di formazione permanente degli operatori che coinvolgano tutto il personale; a lavorare affinché i consultori familiari diventino un riferimento cardine per il benessere psicofisico delle donne; a garantire la presenza delle figure capaci di mediazione culturale e linguistica all’interno dei servizi sanitari; a mantenere e potenziare le sezioni di screening per l’HIV; a perseguire e reiterare le campagne di informazione rivolte alle donne ed ai “clienti” sui rischi sanitari e le malattie sessualmente trasmissibili”. Il Secondo documento presentato riguarda invece il fenomeno della prostituzione minorile, sul quale le consigliere firmatarie dell’atto intendono “manifestare il loro vivo risentimento e sdegno per la vicenda che si potrebbe concludere con pene irrisorie, previste dalla normativa vigente, per un reato di tale gravità – si legge nel dispositivo – auspicano iniziative ed azioni che tendano a modificare l’attuale quadro giuridico, in una prospettiva di pene adeguate ed esemplari per chi viola, non solo il corpo ma la dignità di tutte le donne, in particolare delle giovanissime”.

SECONDO L’OPPOSIZIONE – appare chiaro che questi intenti, seppur lodevoli, non risolvono il problema: “Anche sulla questione della prostituzione e della sicurezza all’Eur ci troviamo di fronte ad una sinistra incapace di affrontare i problemi del territorio, completamente sorda alle richieste dei cittadini, la cui unica sua specialità rimane quella degli annunci a cui non seguono atti concreti – lo dichiara in una nota Massimiliano DE JULIIS Vice Presidente del Consiglio del Municipio Roma IX Eur – Durante il consiglio municipale tematico sul quartiere Eur la sinistra è riuscita a parlare di prostituzione e sicurezza solo dal punto di vista sociale, votando a maggioranza dei documenti completamente inutili, mentre non è stato in grado di fare una proposta concreta per il quartiere”. Le proposte del’ opposizione vengono invece richiamate dal Consigliere De Juliis: “Abbiamo chiesto di far rispettare il divieto di transito notturno ai non residenti, già esistente nelle zone residenziali che sono quelle più colpite da questo fenomeno, senza il bisogno di nessun nuovo provvedimento. Insieme alle telecamere che sta installando Eur SpA sul quartiere se ne possono installarne altre con software OCR per il riconoscimento automatico delle targhe solo nella parte residenziale. L’impegno economico è molto basso, anzi si potrebbero risparmiare i soldi necessari per i controlli da parte dei vigili urbani, e si qualificherebbe tutto il quartiere”. Non manca la stoccata alla maggioranza che ha bocciato la proposta dell’opposizione: “Il presidente Santoro e la sua maggioranza votano ancora una volta per partito preso bocciando questa proposta, insieme all’esponente municipale della Lista Marchini, senza fare un un reale ragionamento sul quartiere e non dando ascolto neanche al Parroco. La nostra – seguita De Juliis – non è una battaglia di colore politico ma di civiltà e di riqualificazione del nostro centro storico ed è aperta a chiunque voglia affrontarla insieme a noi. Porteremo all’attenzione dell’assemblea capitolina la problematica e rimarremo al fianco dei cittadini del’EUR che, esasperati, hanno annunciato importanti azioni.

Leonardo Mancini

Foto: Repubblica.it