Home Municipi Municipio IX

Prostituzione: Il progetto #Michela entra nella fase operativa

SHARE
prostituzioneeur

Programmati i primi incontri verso lo Zoning in Municipio IX

AL VIA IL PROGETTO – È stato convocato dal Municipio IX il primo incontro del tavolo di confronto per la realizzazione del Progetto #Michela. Il percorso individuato dalla Giunta di via Silone per arrivare allo Zoning: “Una misura sperimentale per il contenimento del fenomeno della prostituzione e per il sostegno sociale alle persone che si prostituiscono”, spiega il Presidente del Municipio IX, Andrea Santoro. L’individuazione cioè delle cosiddette ‘zone a luci rosse’, in cui la pratica della prostituzione venga tollerata e monitorata.

L’INCONTRO ISTITUZIONALE – Il primo incontro, volto alla “redazione di un documento preliminare – seguita – che rappresenti la situazione attuale dimensionando la diffusione della prostituzione in relazione ai quartieri”, sono stati invitati a partecipare: le associazioni del progetto Roxanne che operano sul territorio del municipio IX; il capo di gabinetto del Sindaco, gli assessori capitolini alle politiche sociali e alle pari opportunità, il direttore dell’ufficio Sicurezza e Coesione sociale, il direttore del dipartimento comunale alle politiche sociali; il capo di Gabinetto della Prefettura; il direttore generale della ASL RMC e il direttore del Distretto 12 ASL RMC; il comandante del IX gruppo della polizia locale; il presidente del Consiglio municipale e gli assessori municipali direttamente coinvolti nel progetto.

LA PAROLA AI CITTADINI – Il secondo incontro è invece previsto per il 5 novembre, questa volta alla presenza dei Comitati di Quartiere e dell’associazionismo del territorio, con i quali saranno discussi gli esiti del primo incontro istituzionale. Probabilmente per i cittadini sarà questa l’occasione per dire la loro e per dare conto dell’ampio dibattito che si sta aprendo sull’iniziativa municipale. “Dobbiamo trovare soluzioni utili per combattere da amministratori di questa città un fenomeno sotto tutti i profili intollerabile – seguita il Presidente – Ribadisco che è intenzione di questa Amministrazione individuare ogni sistema per garantire maggiore sicurezza e decoro ai nostri quartieri, aumentando la rete delle tutele socio-sanitarie per le persone che si prostituiscono e dando risposte di legalità contro gli odiosi crimini della tratta e della prostituzione minorile”.

Leonardo Mancini