Home Municipi Municipio IX

Selvotta: continua la mobilitazione contro l’ipotesi discarica

SHARE
cavaselvottarid

I cittadini si riuscono per decidere tempi e modi della protesta contro l’ipotesi discarica nella cava di Selvotta

 

IL TEMPO – stringe, nell’ennesima proroga alla discarica di Malagrota infatti la prima scadenza, quella del 30 luglio, riguarda l’indicazione del sito alternativo che dovrebbe raccogliere i soli rifiuti trattati della Capitale. Tra le ipotesi considerate più plausibili ci sarebbe la cava di Selvotta, all’interno del Municipio IX. L’interessamento da parte del comitato tecnico è trapelato solamente attraverso gli organi di stampa e non con comunicazione ufficiale, riguarderebbe tre cave di inerti (materiali usati nelle costruzioni): due ancora in uso, una terza dismessa. Quella che a detta del Messaggero starebbe attirando maggiormente l’interesse è proprio la cava in località Selvotta nei pressi della Laurentina, dove in questi giorni si starebbero svolgendo tutte le verifiche del caso.

L’INCONTRO – di ieri pomeriggio, cui hanno partecipato diverse decine di persone e circa trenta comitati territoriali, si è immediatamente contraddistinto per il secco ‘no’ all’iniziativa. La protesta non è però rimasta confinata al Municipio IX, vista anche la posizione estremamente periferica dell’area. Infatti la cava in questione sorge al limite estremo del Municipio, quasi in corrispondenza con il Comune di Pomezia. Proprio con questa volontà di marginalizzare e spostare questi impianti al limite estremo dei confini cittadini, si scontra la lotta del comitato inter-comunale ‘No discariche no inceneritori municipio IX-Pomezia’. Con questa formazione inedita, che vede il problema rifiuti e smaltimento in un’ottica non strettamente legata alle divisioni territoriali, si vuole portare avanti la lotta contro l’indicazione della cava come sito alternativo a Malagrotta.

IL COMITATO VERDE SELVOTA – con Cristina Granieri, sua portavoce, è intervenuto per informare i cittadini non solo del rischio discarica nella cava che sorge in fondo al quartiere, la quale fino ad oggi ha smaltito inerti e fanghi da trivellazione, ma anche per spiegare come tutti i residenti si trovino in una zona ad alto rischio di danno ambientale: si sommano infatti alle numerose discariche pericolose nei dintorni, fattori come l’inquinamento della zona industriale di S. Palomba, la sismicità della zona ai piedi dei Castelli Romani, l’alta presenza di radon.

TANTE LE CRITICITA’ – di questo territorio. Infatti nell’arco di pochi Km dal quartiere Selvotta sono molti i fattori inquinanti che rischiono di incidere sulla salute dei cittadini: due discariche a Porta Medaglia, una a Fioranello, una già in zona Selvotta, due in via Ardeatina, una di rifiuti pericolosi a Falcognana, la discarica d’amianto di Valle Caia senza dimenticare l’inceneritore di Roncigliano. Inoltre sono molti i progetti riguardanti lo stoccaggio dei rifiuti e la loro lavorazione che sono stati presentati alla Regione Lazio per essere realizzati in questo territorio. L’esempio più eclatante in questo senso è certamente la richiesta per l’installazione di un impianto di compostaggio in via Canestrini, atto a recepire la frazione liquida della tritovagliatura di Rocca Cencia.

IL VICE PRESIDENTE – del IX Municipio, Alessio Stazi, è intervenuto durante l’incontro impegnandosi a rimanere a fianco della popolazione di Selvotta, rimarcando il fatto che il Municipio IX non ha ricevuto alcuna conferma o smentita sull’ipotesi della discarica nella cava di Selvotta e lamentando il mancato coinvolgimento del Municipio da parte degli organi decisionali preposti. È stato infatti lo stesso presidente, Andrea Santoro, a riferire in una nota di aver “inviato una lettera al Commissario per l’Emergenza Rifiuti di Roma Prefetto Goffredo Sottile, perché – seguita Santoro – ritengo assolutamente sbagliato non coinvolgere l’istituzione più vicina alla comunità su un tema così delicato quale è quello del ciclo del trattamento dei rifiuti”. All’incontro dei comitati è intervenuta anche Matilde Spadaro del Comitato Verde Urbano che, oltre a sposare a pieno le opinioni di Verde Selvotta, ha sollecitato il Consiglio Municipale nel prendere una chiara e netta posizione: ‘Basta Discariche nel IX Municipio’.

I PROSSIMI INCONTRI – Tutti i cittadini convenuti all’incontro hanno dato piena disponibilità per la diffusione delle informazioni, anche in relazione al prossimo evento del 25 luglio prossimo, alle ore 17,30 all’interno del parco pubblico di Monte Migliore in via Alessandro Vivenza 19, dove i comitati e la popolazione continuerà ad esprimere il suo seccon ‘no’ alle discariche nel IX Municipio.

Leonardo Mancini