Home Municipi Municipio IX

Stadio della Roma: per la Sindaca Raggi lo Stadio si farà

Presentato lo studio del Politecnico di Torino, secondo la Sindaca cantieri entro l'anno

SHARE

ROMA – “Diciamo subito che lo stadio si farà”. Così la Sindaca Virginia Raggi ha aperto la conferenza stampa in cui sono stati presentati i risultati dello studio condotto dal Politecnico di Torino in merito alla mobilità sul progetto di Tor di Valle. L’annuncio della prima cittadina è stato accolto da un applauso piuttosto timido, sul quale la Sindaca ha proseguito: “I proponenti se vogliono potranno aprire i cantieri già entro l’anno. Il progetto è molto ambizioso e porterà oltre un miliardo di investimenti sulla nostra città e sul quadrante – e ancora – porterà lavoro e riqualificazione di un area adesso degradata”.

DAL POLITECNICO – In conferenza stampa ha preso la parola anche il il direttore del Politecnico di Torino, Bruno Della Chiara, per spiegare il metodo utilizzato nell’esame del progetto: “Abbiamo lavorato su tre aspetti: la disciplina dei trasporti, l’interesse di chi fa uso della rete ferroviaria a Roma e come ci poniamo rispetto agli obiettivi comunitari – ha spiegato – La prima fase è stata di approfondimento sui documenti che ci sono stati forniti, la seconda su un problema legato alla storia di Roma, cioè il traffico e vedere se il problema era risolvibile. Il problema è risolvibile attraverso un’offerta plurimodale e quindi non con l’auto ma con un’offerta competitiva sul campo ferroviario, pedonale, ciclabile e altro”. La questione starebbe però tutta nei tempi, infatti come chiarito da Della Chiara: “Nella misura in cui queste vengano adottate prima dell’arrivo del nuovo stadio tutto funziona. Garantire un’offerta ferroviaria che non obblighi il cittadino ad usare l’auto, passa attraverso due nodi: la stazione di Tor di Valle e quella di Magliana. Queste azioni vanno attuate in tempi contenuti”. Il Direttore non manca di sottolineare che a fine novembre erano stati utilizzati dei termini forti come ‘catastrofico’, questo “perché andare incontro ad un’offerta stradale senza un’offerta ferroviaria era impossibile, non è proponibile ed al passo con i tempi. Roma sa che c’è un problema del traffico e si stanno adottando delle misure, ci siamo confrontati con il Comune e stiamo vedendo che ci sono dei piani per il trasporto – il PUMS Piano Urbano della Mobilità Sostenibile Ndr – Il problema c’è, ma esistono soluzioni“.

LA CURA DEL FERRO – Sulle necessità di implementazione del trasporto su ferro la Sindaca ha dichiarato: “Lo stadio diventa un catalizzatore di interventi già previsti nel nostro progetto di cura del ferro. L’area è parzialmente infrastrutturata con due linee ferroviarie la Roma-Lido e il collegamento tra Roma e Fiumicino – la stazione di Magliana sulla FL1 Ndr – che verranno sicuramente potenziate. Taglio delle cubature iniziali – ha dichiarato la Sindaca – non va ad impattare sui servizi. Il progetto mantiene e conferma l’interesse pubblico che sostiene le motivazioni di un opera così importante”. Virginia Raggi ha poi confermato che “ Già da oggi pomeriggio continueranno i tavoli tecnici, su questo argomento non ci siamo mai fermati. I soldi per la Roma-Lido ci sono e li utilizzeremo per migliorare la rete”.

LA RICHIESTA DEL PARERE – Questa conferenza stampa è stata per la Sindaca Raggi anche l’occasione per ribadire le motivazioni che l’hanno portata a richiedere questo parere al Politecnico di Torino: “Non ero obbligata a farlo. Il parere è andato a rivedere un progetto già approvato in conferenza di servizi. Anche la procura aveva assicurato che non c’erano pendenze sul progetto. Volevo controllare che questo portasse un beneficio per i cittadini. Questo parere esterno rassicura e conferma questo dato”. La versione integrale del documento del Politecnico verrà pubblicata quest’oggi sul sito del Comune. Ma intanto sul tema sulla trasparenza Virginia Raggi spiega: “sarà richiesta una calendarizzazione al presidente De Vito di un consiglio straordinario specifico sullo stadio e su questo parere. Non abbiamo nulla da nascondere”.

Leonardo Mancini