Home Municipi Municipio IX

Torri, Nuvola e viabilita’ dell’Eur: intervista a De Priamo

SHARE

Il Presidente della Commissione Ambiente del Comune chiarisce alcune questioni riguardanti l’Eur


A che punto siamo con l’iter delle Torri dell’Eur?

Unitamente al parere positivo sulla delibera abbiamo approvato una serie di emendamenti che verranno sottoposti all’esame del Consiglio Comunale, affrontando il tema degli oneri concessori e della loro ricaduta sul territorio. Occorre ricordare che la delibera proposta dalla precedente amministrazione prevedeva che una grande parte degli oneri fossero investiti sul progetto Campidoglio 2. Al contrario il nostro emendamento prevede che i 24 mln di contributo straordinario più gli oneri quantificabili in circa 9 mln, per un totale di 33 mln, vengano utilizzati per la realizzazione di infrastrutture pubbliche nel quadrante dell’Eur. Inoltre si creerà un coordinamento tecnico interdipartimentale, che disporrà per gli studi di fattibilità 1 mln dei 33 di cui sopra, che dovrà individuare le opere da realizzare con questi fondi dando priorità alla realizzazione dell’atteso sottopasso di via C. Colombo all’altezza dell’intersezione con v.le Europa. Questo coordinamento tecnico farà capo al Dipartimento Urbanistica, prevedrà la presenza di tutti i dipartimenti competenti e dovrà, non solo finalizzare gli oneri relativi a questa delibera, ma anche coordinare tutte le opere previste o prevedibili sull’Eur come quelle eventuali legate al GP di Formula 1 e gli oneri della Nuvola di Fuksas.

Per quanto riguarda il sottopasso della C. Colombo molti cittadini chiedono che si interri da p.za Marconi.

Qualsiasi intervento deve tenere conto del tessuto urbanistico dell’E42, quindi credo che in questo coordinamento tecnico debbano essere coinvolte anche realtà esperte sulla sua progettazione originale. Per quanto mi riguarda serve dare priorità al ricongiungimento di v.le Europa con annessa pista ciclabile. Poi il coordinamento si occuperà anche dello Svincolo degli oceani, già in fase di progettazione e con l’ipotesi di una grande rotatoria, e il Ponte dei Congressi. Bisogna ragionare con una visione d’insieme della mobilità del quadrante che considera opere già finanziate, opere che saranno finanziate nei prossimi mesi e opere che sono in previsione, come la nuova Pontina.

Cosa è previsto all’interno del progetto di Renzo Piano e perché si è deciso di demolire le Torri?

Non sono mai stato un sostenitore delle Torri di Ligini in quanto non le ritengo coerenti con la progettazione originaria dell’Eur, quindi l’idea di una sostituzione edilizia con un edificio più basso realizzato a corte, con una grande serra verde al suo interno, mi trova favorevole. Ho molte più perplessità sull’impatto che può avere sul tessuto dell’Eur la Nuvola di Fuksas ed in particolare la “lama” albergo che verrà realizzata. Le funzioni previste nella delibera sono miste e si va nella logica del mix funzionale per dare all’Eur un tessuto di residenzialità che oggi è minoritario rispetto a quello degli uffici, ma sono previste anche funzioni commerciali.

Molti chiedono anche un collegamento tramite metropolitana tra la Nuvola, la Fiera di Roma e l’Aeroporto di Fiumicino. Perché non inserire anche questo progetto tra quelli in programma?

Questo collegamento è da noi sempre stato proposto e rientra nei progetti del Piano per la Mobilità Sostenibile che stiamo discutendo. Ovviamente sarebbe un intervento talmente grande che necessita di un finanziamento molto più corposo, che deve essere richiesto al Governo, quindi non sembrerebbe idonea l’idea di utilizzare gli oneri delle Torri.

Novità sull’area del Velodromo?

Mi risulta che l’Eur Spa intenda rivedere completamente la procedura urbanistica che era stata approvata con un Accordo di programma e prevedeva la realizzazione di un centro acquatico e voluminose cubature sia a ridosso del centro, con una foresteria e degli alberghi, sia con degli uffici dall’altro lato verso via della Grande Muraglia. Credo che la strada giusta sia quella di un processo partecipato dove vengano ascoltati, come mi risulta che Eur spa abbia già iniziato a fare, i cittadini. Credo che non si debba escludere il fatto che esiste una prospettiva olimpica per Roma e quindi troverei interessante mantenere comunque delle funzioni sportive in quell’area.

Simone Brengola