Home Municipi Municipio VIII

A San Paolo arrivano le strutture per il Parkour

SHARE
parkour

Nel Parco Sbragia Salerno (FAO) le nuove installazioni a costo zero

LA STRUTTURA PER IL PARKOUR – Da quest’oggi c’è una nuova installazione nel Parco Sbragia Salerno nel quartiere San Paolo. L’area verde, meglio nota ai residenti come Parco FAO, è stata arricchita da una struttura sportiva per la pratica del Parkour, disciplina acrobatica metropolitana nata nelle città francesi agli inizi degli anni ’90. 

OPERA A COSTO ZERO – A dare la notizia di questo intervento che arricchisce le strutture pubbliche nel panorama sportivo locale è l’ex minisindaco, attualmente consigliere d’opposizione in Municipio VIII per Coalizione Civica e di Sinistra, Andrea Catarci: “L’operazione è stata realizzata senza oneri per le casse pubbliche, come altre concluse nel recente passato: il campo da baseball di Via Galba, la piazzetta di Via Ostiense – Via Laurentina, le mappe del Municipio, le rastrelliere per biciclette nelle scuole”. In questo caso specifico si è riusciti ad ottenere i fondi per l’installazione attraverso la donazione di un privato “il Centro commerciale Euroma 2 che si ringrazia per la sensibilità dimostrata – seguita Catarci – che ha provveduto all’acquisto e alla messa in opera, dopo che il Municipio nei mesi scorsi aveva accettato la proposta e raccolto i necessari nulla osta”.

RINNOVARE L’OFFERTA SPORTIVA NELLE AREE VERDI – Una pratica sportiva, quella del Parkour, ancora poco conosciuta ma certamente affascinante, che si avvicina idealmente all’operazione di rinnovo delle attrezzature sportive nelle aree verdi del territorio: “I ”cubi’ – questo il nome con cui si identificano queste nuove installazioni Ndr. – sono poco diffusi nelle aree verdi romane ed in particolare sono utilizzati da adolescenti e ragazzi. Insieme alla rete metallica dello stesso Parco Fao ed a skate park, teleferica e ping pong presenti nel vicino giardino di Via Galba, essi costituiscono un ulteriore elemento di arricchimento dell’offerta per lo sport libero nei nostri parchi”.

L’APPELLO ALLA NUOVA AMMINISTRAZIONE – Il minisindaco uscente, che comunque continuerà a seguire i lavori dell’amministrazione municipale dai banchi dell’opposizione, conclude la sua nota con un appello alla nuova maggioranza, perché non si sottovalutino le opportunità di compartecipazione tra pubblico e privato: “Nell’affidarlo idealmente alla cittadinanza per la cura e un uso corretto – conclude Catarci – si auspica che la nuova giunta e la nuova maggioranza municipale proseguano nell’attenzione allo sport ed alle aree verdi perseguita in questi anni, non fermandosi di fronte alle ristrettezze di bilancio e cercando soluzioni creative necessarie e possibili”.

LeMa