Home Municipi Municipio VIII

Bonificato l’ex Dazio sull’Ardeatina, si ripropone l’idea del Polo dell’Emergenza

SHARE
dazio1

Un presidio della Protezione Civile per non vanificare gli sforzi fatti con la bonifica

L’INTERVENTO DI BONIFICA – Nella mattinata di oggi primo luglio l’VIII Gruppo di Polizia Locale di Roma Capitale, l’AMA, il Dipartimento Ambiente di Roma Capitale hanno proceduto all’ennesima bonifica dell’area all’incrocio tra Tor Carbone e l’Ardeatina, meglio conosciuta dai cittadini come l’ex Dazio. L’intervento come spiegano il Presidente Andrea Catarci e l’Assessore all’Urbanistica del Municipio VIII, Massimo Miglio, ha visto “la rimozione di una struttura abusiva posta all’esterna dell’immobile di proprietà di Roma Capitale, smaltimento di enormi quantità di rifiuti presenti nell’area, differenziando scrupolosamente i materiali, si è proceduto allo sfalcio dell’erba”.

LE DIFFICOLTÀ NEL MANTENERE IL DECORO DELL’AREA – Non è la prima volta che sull’area si lamenta la necessità di un intervento in grande stile, già il 20 novembre scorso, durante una simile operazione di bonifica, gli agenti del PICS della Polizia Locale di Roma Capitale oltre allo sgombero dei giacigli di fortuna dei senza fissa dimora che occupavano l’area, hanno rinvenuto numerosi apparecchi elettronici di provenienza sconosciuta. Il vero problema riguarda il mantenimento di una situazione decorosa dell’area, che già il 28 novembre vedeva nuove le segnalazioni da parte della cittadinanza.

IL MUNICIPIO PROPONE IL ‘POLO DELL’EMERGENZA’ – Una soluzione alla vicenda, più volte richiamata dal Presidente Catarci, riguarda l’istituzione di un ‘Polo dell’emergenza’, con l’ausilio dei gruppi territoriali di Protezione Civile: “I locali dei bagni pubblici, sono in disuso da lungo tempo e privati di acqua e luce, e sono spesso utilizzati come ricovero di fortuna. Sulla struttura il Municipio Roma VIII, da oltre un anno, ha avanzato una proposta di riutilizzo del manufatto al Dipartimento Ambiente di Roma Capitale per la creazione di una sede operativa del Polo di Protezione Civile locale – aggiungono Catarci e Miglio – Si è già ottenuta la disponibilità delle associazioni di volontari, Brigata Garbatella e Millennium che, oltre a rinnovare i locali e a presidiare l’area, si impegnano ad ampliare gli interventi di cura del territorio”. Il Problema, come sempre più spesso accade, sembra essere semplicemente di natura burocratica: “Basterebbe che gli uffici centrali procedessero alla consegna dell’area al Municipio o direttamente alle Associazioni per poter dar inizio al progetto e rendere duraturi i risultati ottenuti con l’operazione odierna, che altrimenti rischia di essere vanificata in breve tempo”.

Leonardo Mancini

dazio2

SHARE