Home Municipi Municipio VIII

Cartelloni pubblicitari, Catarci: “Continua lo scempio autorizzato del territorio”

SHARE

“Prosegue senza sosta lo scempio di strade e quartieri – dichiara il Presidente del Municipio Roma XI Andrea Catarci -, realizzato attraverso l’installazione di impianti pubblicitari di vaste dimensioni e con basamenti in cemento armato. Negli ultimi giorni abbiamo ricevuto le note del locale Gruppo di Polizia Municipale in risposta ad alcune richieste di verifica sulla regolarità avanzate a marzo, concernenti recenti “obbrobri” che hanno fatto la loro comparsa nelle vicinanze della sede municipale di Via Benedetto Croce. Non ci siamo sorpresi più di tanto, vista la politica dell’Amministrazione comunale, nel rilevare che tali nuovi impianti sono tutti debitamente autorizzati. Peccato che due strutture abbiano preso il posto di alberature ammalate, espiantate e non sostituite, e che una terza sia stata sistemata in prossimità di un incrocio, alla fine di un attraversamento pedonale! Viene però specificato che, ovviamente in tempi da verificare, per quest’ultima è stato chiesto lo spostamento.

Ma non è questa l’unica situazione che ha del grottesco. A Via delle Sette Chiese, la storica strada che collega la Basilica di San Paolo alla Basilica di San Sebastiano fuori le mura, meta di pellegrinaggi dal XVI secolo, a seguito della segnalazione da parte del Municipio XI di un ennesimo “mostro” la Polizia Municipale ha elevato la relativa sanzione, ma per rimuovere i detriti abbandonati sul marciapiede manomesso si è comunque dovuto ricorrere alla ditta che ha in appalto la manutenzione delle strade del Municipio stesso, con un onere per la collettività.

Ora, dopo un sopralluogo della Commissione municipale Politiche scolastiche, è stato rilevato che due impianti di recente installati a Via Veronese, quartiere Tormarancia, hanno già dato prova di chiara instabilità, con la caduta di parti degli stessi all’interno dell’area verde dell’Asilo Nido “Acquerello”. La segnalazione è stata inoltrata sia all’Assessorato comunale competente che al locale Gruppo P.M.: se come è ovviamente possibile sono autorizzati, dobbiamo aspettare che cadano in testa a qualche bambino per rimuoverli o è possibile un intervento immediato?

Nei prossimi giorni, dopo aver proceduto lo scorso mese di marzo, attraverso la task-force di cui fanno parte la Regione Lazio, la Sovrintendenza archeologica e l’Ente Parco, a rimuovere oltre una cinquantina di strutture pubblicitarie abusive nel Parco dell’Appia Antica (a Viale del Caravaggio, Piazza Lotto, Via Sartorio, Via Grottaperfetta), presenteremo l’esposto per danneggiamenti ai marciapiedi pubblici che il Municipio Roma XI inoltrerà alla Procura. Nel corso della giornata si raccoglieranno anche le firme a sostegno della Delibera di Iniziativa popolare presentata da oltre un centinaio di associazioni e comitati cittadini. Invito fin d’ora il Sindaco Alemanno all’iniziativa, almeno per farci finalmente sapere se intende continuare a tollerare ed anzi ad incentivare il fenomeno o se reputa sufficienti i danni già arrecati ai paesaggi urbani ed alla sicurezza dei cittadini”.