Home Municipi Municipio VIII

Centrale Acea Tor Marancia: indetta la Conferenza di Servizi, ma nulla di fatto

SHARE

Alcuni pareri sfavorevoli all’opera, ma il vero problema sono i fondi nel bilancio di Roma Capitale.


Il 14 giugno scorso si è svolto un nuovo capitolo dell’epopea che i cittadini di Tor Marancia stanno vivendo dal lontano 1982, anno in cui venne costruita la Centrale elettrica di Acea di piazza Lante. Finalmente è stata indetta la tanto attesa Conferenza di Servizi, che sarebbe dovuta essere utile per la definitiva partenza degli iter, soprattutto burocratici, per l’interramento della centrale. Molti dei lettori ricorderanno che il 1 dicembre scorso il Sindaco Alemanno incontrò la cittadinanza per assicurare la soluzione del problema. Dopo la Conferenza di Servizi del 14 giugno però la situazione rimane ancora piuttosto ingarbugliata: “Ogni assessore o organismo competente ha avuto la possibilità di esprimere il proprio giudizio sul progetto e sulla fattibilità dell’opera – racconta il Dott. Orazio de Lellis, Presidente del Comitato di Quartiere Roma Ardeatino – Purtroppo non c’è stata l’unanimità che ci aspettavamo. Alcuni dei presenti hanno esposto le loro perplessità, soprattutto in merito alla fattibilità dell’opera per motivi economici”. Ricordiamo infatti che l’opera dovrebbe gravare per buona parte sulle spalle di Roma Capitale, come promesso dal Sindaco nella suddetta assemblea di inizio dicembre. “Nonostante queste difficoltà il Sindaco ha promesso l’interramento della Centrale – continua fiducioso Orazio de Lellis – Aspettiamo che il Giudice Bottiglieri – il Capogabinetto del Sindaco – riceva le disposizioni della Conferenza di Servizi e renda conto sia al Comitato di Quartiere che al Sindaco Alemanno”. Anche il Presidente della Commissione Ambiente di Roma Capitale, Andrea De Priamo, è intervenuto sull’andamento della vicenda: “La convocazione della Conferenza conferma la serietà con cui Roma Capitale sta affrontando il tema dell’interramento della centrale Acea di Tor Marancia, attraverso l’avvio di un procedimento complesso finora ignorato dalle precedenti amministrazioni. La Commissione Ambiente, nell’esercizio del suo ruolo di indirizzo e controllo, verificherà periodicamente la situazione e seguirà con molta attenzione le ulteriori fasi dell’iter amministrativo, per dare seguito agli impegni presi dal Sindaco Alemanno con i cittadini del territorio”. Nonostante queste rassicurazioni, e i comunque molti riscontri favorevoli in Conferenza di Servizi, la situazione della Centrale Acea rimane ancora in attesa di sviluppi, come avevamo già ribadito in passato, con l’approvazione del Bilancio di Roma Capitale: “Aspettiamo inoltre l’approvazione del bilancio – conclude de Lellis – per comprendere la reale fattibilità dell’opera, nonostante sia già stata fatta la Conferenza di Servizi”. Sulla questione, soprattutto in relazione alle modalità di finanziamento e di intervento, è intervenuto anche il Presidente del Municipio XI, Andrea Catarci: “Ad oggi la possibilità di caricare almeno in parte i costi dell’operazione su Acea non è più prospettabile vista l’operazione di svendita della società – sottolinea Catarci in relazione alla cessione del 21% delle quote della consociata da parte di Roma Capitale – Ma un nodo rimane: chi pagherà per questa operazione necessaria?”. In passato il Presidente Catarci si era detto contrario alla presa in carico degli oneri da parte di Roma Capitale, puntando invece il dito nei confronti delle responsabilità di Acea: “Quando il Sindaco venne a parlare con la popolazione dissi che ci stavano prendendo in giro. Crederemo alle soluzioni fino ad oggi millantate quando saranno stanziati i fondi. Da molti anni – conclude Catarci – si parla di costi esagerati, nonostante le tecnologie di costruzione siano avanzate. Vorremmo che delle stime dettagliate sulle varie ipotesi venissero messe a disposizione di Acea”. La situazione della Centrale è ora nelle mani del Gabinetto del Sindaco, che nei prossimi mesi indicherà l’iter dei lavori della Conferenza di Servizi. I ritardi sulla tabella di marcia proposta nell’incontro del primo dicembre scorso sono già notevoli. Nonostante questo il Capogruppo Pdl al Municipio XI, Simone Foglio, ha voluto ribadire la sua fiducia nell’Amministrazione comunale: “Fino ad oggi le ‘chiacchiere’ sono state fatte solo dalla sinistra municipale. L’apertura della Conferenza è il primo passo concreto verso la risoluzione promessa dal Sindaco Alemanno”. Nei prossimi mesi continueremo a vigilare sull’iter, nonostante sembra molto improbabile che si riesca a risolvere il problema alla base della questione: reperire i fondi per questa operazione.

Leonardo Mancini