Home Municipi Municipio VIII

Ex Fiera di Roma: finalmente i bambini rom tornano a scuola. E le loro famiglie?

SHARE

È stato istituito un servizio per portare i bambini dalla ex Fiera alle loro vecchie scuole. Ci sarà stavolta la voglia di decidere insieme il futuro di questa struttura abbandonata?
Il 27 Luglio scorso circa 80 persone di etnia serba furono trasferite dal campo nomadi di Borghesiana/Finocchio per essere allocate alla ex Fiera di Roma. In quel periodo il Municipio XI si interessò particolarmente alla vicenda e le chiamate ricevute dai cittadini allarmati furono molte. Secondo quanto dichiarò Andrea Catarci, Presidente del Municipio XI, “l’insediamento straordinario fu predisposto dalla Prefettura e dal Campidoglio senza aver preventivamente coinvolto il Municipio XI”.

L’area della ex Fiera di Roma era reduce dall’esperienza (ben più problematica) dell’emergenza freddo che si concluse intorno a marzo scorso e che arrivò ad ospitare fino a mille persone, sempre secondo quanto affermato dal Presidente, pur non potendo garantire l’efficienza dei servizi.
Ciò che in questa occasione è stato motivo di grande preoccupazione, invece, sono stati i 16 bambini presenti nella struttura i quali non hanno avuto la possibilità di frequentare le lezioni i primi giorni di scuola. C’era il timore che si potesse continuare su quella linea senza garantire la frequenza negli istituti.
Da venerdì 18 settembre fortunatamente è stato istituito un servizio per portare i bambini negli istituti scolastici del Municipio VII dove prima erano iscritti.
Il Presidente del Municipio XI Andrea Catarci ha così espresso il suo parere: “Se non ci fosse stata la vicinanza del Municipio XI e l’importante attenzione giornalistica sulla vicenda, questi 16 bimbi oggi sarebbero ancora impossibilitati a seguire le lezioni. Riportarli negli istituti del Municipio VII è tuttavia accettabile solo in via temporanea, perché ogni giorno saranno costretti ad affrontare un lungo viaggio sia all’andata che al ritorno. Resta comunque la gravità del fatto che le 12 famiglie presenti nella ex Fiera sono a tutt’oggi senza informazioni sui tempi di permanenza e sulla futura sistemazione alloggiativa”. Poi ci spiega il crescendo di questa situazione che va avanti dall’estate: “Dal 27 luglio la situazione è peggiorata, è cresciuta l’ansia e si sono diffuse malattie, ci sono stati problemi con il cibo e di convivenza, poiché queste persone hanno sempre vissuto in monolocali, erano perfettamente integrate e avevano la loro privacy, non erano abituate a stare insieme e la questione è stata affrontata in modo approssimativo. L’ente sociale ha fatto veramente i salti mortali per rendere la situazione decente in una struttura non destinata a questo tipo di servizi. Quando abbiamo incontrato alcuni di loro ci hanno addirittura ricordato di aver perso alcuni loro beni con l’abbattimento delle abitazioni, perché non hanno avuto il tempo di portarli via.”
Anche il consigliere del PdL del Municipio XI Andrea Baccarelli è intervenuto sulla questione: “Noi siamo molto soddisfatti di come l’amministrazione comunale sia riuscita a gestire il problema, ma non condividiamo assolutamente la scelta fatta dal Prefetto e speriamo che non si ripetano cose del genere. Per fare questo però bisogna sedersi ad un tavolo e capire insieme cosa farne della ex Fiera di Roma. Purtroppo mi stupisco del cambiamento di posizioni della sinistra la quale prima si dichiara contraria alla creazione di un nuovo campo nomadi e poi si lamenta della presenza delle forze dell’ordine 24 ore su 24 all’interno della struttura”.
Anche Alberto Attanasio, Vicepresidente del Municipio XI e Assessore alle Politiche Urbanistiche, reputa importante il capire cosa farne della ex Fiera e ritiene che sia essenziale il coinvolgimento dei cittadini in tutto ciò: ”L’inutilizzazione o l’utilizzazione temporanea rischiano di essere degli elementi pericolosi per la città perciò bisogna riprendere il percorso partecipativo che coinvolge i cittadini e ragionare insieme sulla riqualificazione della struttura”. 
 
Marco Casciani
Urloweb.com