Home Municipi Municipio VIII

Ex Mercati generali: la Giunta approva la delibera, al via i lavori

SHARE
MercatiGenerali 0000 d0

Il progetto entro 90 giorni e cantieri chiusi entro il giugno del 2017

L’APPROVAZIONE – La Giunta capitolina ha approvato la seconda e definitiva variante del progetto di ristrutturazione dell’area degli ex Mercati Generali di via Ostiense. “Entro l’autunno partiranno i cantieri, sarà una meravigliosa nuova centralità – ha commentato il sindaco Ignazio Marino – con una piazza pedonale più grande di piazza del Popolo”. Con la concessionaria partecipata della Lamaro Appalti dei fratelli Toti, entrerà in partnership il finanziere Robert De Balkany, uno dei maggiori immobiliaristi a livello europeo, specializzato nel recupero di siti urbani da riqualificare.

DALL’ASSESSORATO – È poi l’assessore capitolino alla trasformazione urbana, Giovanni Caudo, a commentare l’approvazione parlando anche dell’inizio dei lavori: “Abbiamo approvato una delibera con una variante del progetto degli ex Mercati che consente di far ripartire la parte del cantiere nuovo – seguita – questa variante risistema il progetto definitivo di tutta l’area e fissa le condizioni con cui verranno scanditi i tempi per la presentazione del progetto, che dovrebbe essere ormai nei prossimi mesi, per far partire i cantieri il più presto possibile. Abbiamo lavorato diversi mesi dopo che l’area è stata data in concessione da 10 anni e non si era fatto nulla”.

LE NOVITÀ NELLA DELIBERA – Già nel gennaio scorso l’assessore Caudo aveva ribadito i canoni della nuova variante, partecipando in un incontro pubblico nel quartiere Ostiense. In quell’occasione venne prospettato il sistema degli accessi all’area e delle piazze , con nove spazi per la cittadinanza, con il più grande dei quali delle dimensioni di piazza del Popolo: “Al di là delle funzioni l’aspetto importante è aprire un recinto che è chiuso da anni e restituire spazi identitari al quartiere. Vogliamo che questa porzione di città diventi parte stessa di essa, non un edificio ma un vero e proprio quartiere”. Si parlò anche di mobilità, con l’Assessore che rassicurava sulla massima attenzione degli Uffici nella razionalizzazione degli accessi: “Abbiamo insistito per un collegamento diretto con la metro, con un passaggio al di sotto del Ponte Spizzichino – seguitava Caudo – questo per favorire lo spostamento pedonale anche in funzione dello studentato”

I LAVORI – La conclusione dei lavori è attesa entro giugno 2017, con il progetto definitivo che dovrà essere consegnato entro 90 giorni. “È un pezzo di città che viene riaperto. Credo sia una delle cose che ereditiamo dal passato – ha concluso Caudo – in linea con la nostra filosofia di rigenerazione urbana”.

LM