Home Municipi Municipio VIII

Festival Officina Teatro XI. Il Teatro dei cittadini

SHARE

È partito dal 6 maggio il Festival conclusivo della V edizione di Officina Teatro XI organizzata da Marte 2010. Sarà ospitato dal Teatro Pasquale de Angelis fino al 29 maggio 2010 il progetto realizzato dall’Associazione Marte 2010 con il contributo del Municipio Roma XI, della Provincia di Roma e del Consiglio Regionale del Lazio. Gli spettacoli, ad ingresso gratuito, sono il risultato del percorso interdisciplinare durato un anno e che ha coinvolto oltre 200 persone di ogni età ed estrazione sociale in sei gruppi di recitazione e in cinque laboratori legati alle attività cosiddette del “dietro le quinte”: scrittura, regia, scenografia, costumi, e fotografia di scena. La quinta edizione di Officina Teatro XI è cominciata con le iscrizioni ai nuovi laboratori gratuiti, dal 19 novembre al 21 dicembre. Il 27 dicembre 2009 invece hanno preso il via ufficiale ai nuovi laboratori della V edizione di Officina Teatro XI con la presentazione dei docenti e la formazione delle classi. Grazie al contributo della Provincia di Roma, sono stati realizzati 4 nuovi corsi di recitazione, uno di scrittura drammaturgica e uno di tecniche di regia. Terminata la fase laboratoriale, ad aprile 2010 si è entrati nel vivo degli allestimenti dei saggi spettacolo per arrivare, a maggio 2010 alla tappa conclusiva del percorso con la presentazione al pubblico del Festival Officina Teatro XI – V edizione per la realizzazione e organizzazione del quale è stata fatta richiesta di contributo al Consiglio Regionale del Lazio. Officina Teatro XI è un laboratorio che, attraverso i linguaggi del teatro, vuole creare un luogo di incontro e aggregazione in grado di favorire e sviluppare il dialogo inter-generazionale. Una officina in cui far confluire idee, creatività, professionalità e divertimento. Il prossimo appuntamento sarà il 10 maggio con “Andante scherzetto”, testi ispirati a Leopardi, Benni, Bergman, Tabucchi e anche dagli stessi allievi del corso diretti da Raffaella d’Avella.

Marzia Lazzerini