Home Municipi Municipio VIII

Garbatella: buone notizie per il giardino della Casa dei Bimbi

Dopo gli interventi di questi giorni l’area verde della scuola dell’infanzia tornerà finalmente fruibile

SHARE

GARBATELLA – Il giardino della scuola dell’infanzia “Casa dei Bimbi” nel quartiere della Garbatella tornerà fruibile dai piccoli utenti della struttura. A comunicarlo in una nota è l’Assessorato alla Sostenibilità ambientale del Comune, al momento si stanno ultimando i lavori di messa in sicurezza degli alberi pericolanti.

GLI INTERVENTI – “Il Servizio Giardini di Roma Capitale sta effettuando l’ultimo intervento di messa in sicurezza dell’area verde – si legge nella nota – In particolare, su mandato del Municipio VIII e con l’autorizzazione della Sovrintendenza Capitolina e della Direzione del Verde, si sta procedendo all’abbattimento delle alberature pericolanti. Conclusa questa operazione, il giardino, interdetto da circa due anni, tornerà a breve nella piena fruibilità”.

LA CHIUSURA DEL GIARDINO – Il giardino in piazza dei Longobardi era stato dichiarato inagibile nel luglio del 2016, dopo che un ramo di pino si è staccato cadendo nel parco storico e vincolato che circonda la scuola. Da quel momento è partita la lunga trafila fatta di sopralluoghi, atti e perizie, che però non sembra portare alla riapertura dell’area. A raccontare quanto avvenuto in questi mesi sono stati gli stessi genitori in una lettera aperta indirizzata alla Sindaca Raggi pubblicata nel febbraio scorso: “Sono stati dichiarati ammalorati e a rischio estremo di cedimento 23 alberi tra lecci e pini, giudicati da abbattere. Da allora per sette mesi i piccoli ospiti della scuola sono stati in classe tutti i giorni per 8 ore, senza poter uscire mai”. Infatti soltanto ad aprile 2017, grazie all’intervento dell’ufficio tecnico del Municipio VIII, parte del giardino è tornato fruibile, ma l’area giochi resta ancora recintata. Inoltre, spiegavano i genitori, “nei mesi scorsi per ben due volte la scuola è stata anche chiusa per giorni a causa della presenza di topi – concludono – favorita dall’esistenza di ampie aree verdi non calpestabili e dalla possibilità per i roditori di nidificare nei tronchi ammalorati”.

LeMa