Home Municipi Municipio VIII

Garbatella: inizia il processo partecipativo per “la Biblioteca che verrà”

SHARE
mobydickincontro

La prima riunione sugli ex Bagni Pubblici è prevista per giovedì 27 febbraio

LA VICENDA.- Continua la vicenda dell’edificio degli Ex Bagni Pubblici di Garbatella che, nelle scorse settimane, è stato oggetto di occupazione da parte di alcuni attivisti del PlayLab. Dopo aver messo a dura prova la maggioranza all’interno del Consiglio Municipale, ed aver ‘strappato’ un milione di euro per la riqualificazione da parte di Laziodisu, per questa vicenda si apre un nuovo capitolo: il processo partecipativo. 

 

LA RIUNIONE – partecipativa è prevista per giovedì 27 febbraio a partire dalle ore 18.00 proprio in via Edgardo Ferrati, dove sorge la futura biblioteca denominata Moby Dick. La volontà è quella di dar seguito all’idea espressa dal documento firmato il 28 gennaio scorso: “Dal basso costruiamo alternative possibili alle logiche dell’alienazione del patrimonio pubblico, rompendo la gabbia dell’austerity e tutelando l’interesse generale della nostra comunità – ha spiegato l’assessore alle attività Culturali del Municipio VIII, Claudio Marotta, concludendo – In poche parole: un pezzo di città che cambia!”.

NON SONO MANCATE LE POLEMICHE – che sicuramente si riproporranno anche all’interno delle assemblee partecipative. In particolare si è parlato della presenza, perlomeno sulla carta, della biblioteca comunale all’interno degli ex mercati generali, da tempo spostata nel Caffè Letterario in via Ostiense. La vicinanza con questa struttura, nel momento in cui verrà terminata la riqualificazione del grande polo commerciale/culturale di via Ostiense, potrebbe causare non pochi problemi. Al momento la posizione sembra essere quella di proporre una biblioteca tematica all’interno degli ex Bagni Pubblici di via Ferrati.

Leonardo Mancini