Home Municipi Municipio VIII

I MENU’ ETNICI NON DEVONO ESSERE ABOLITI. PRONTI AD UN REFERENDUM NEL MUNICIPIO XI

SHARE
Il presidente Andrea Catarci replica all’annuncio dell?Assessora Marsilio sull?abolizione dei menù etnici nelle scuole, apparso il 25/08/2008 su Il Tempo

"E brava Assessora! Da quel che leggo sull?articolo apparso oggi sul quotidiano Il Tempo sembra non voler sentir parlare di menù etnico, neanche a livello di sperimentazione!"

"Forse l?Assessora non ricorda che il menù etnico è stato introdotto nelle scuole materne a livello sperimentale per essere somministrato ai bambini una volta al mese al fine di promuovere  la cultura del rispetto e della tolleranza attraverso la conoscenza diretta di culture di altri Paesi.
Non ricorda neanche ? continua ? che il progetto, all?epoca, è stato accolto con molta curiosità dai bambini e con favore dai genitori, tanto che il Consiglio Municipale ha ritenuto di doverlo ampliare, approvando un ODG che aggiungeva al menù etnico anche un menù di abitudine regionale allo scopo di animare, durante un momento socializzante quale il pasto, una ulteriore fase ludico-didattica finalizzata alla conoscenza di altre culture e tradizioni."

"Annullare tutto ciò denota mancanza di sensibilità culturale e poca inclinazione al rispetto delle usanze degli altri Paesi e mi auguro che l?Assessora Marsilio, prima di dar corso alle novità che ha annunciato, voglia approfondire un po? di più il significato dei suoi provvedimenti per  favorire, invece, processi educativi finalizzati alla integrazione culturale dei bambini di altre nazionalità."

"Se l?Assessora vorrà chiudere un?esperienza che si è dimostrata positiva senza la preventiva discussione politica con le Istituzioni locali ? annuncia infine Catarci ? il Municipio Roma XI, anche per sostenere le decisioni assunte dal Consiglio, promuoverà una consultazione con i cittadini residenti al fine di conoscere l?opinione delle famiglie sul tema in questione, riservandosi di decidere se e quali iniziative assumere in proposito".

SHARE