Home Municipi Municipio VIII

I60: IL MUNICIPIO XI INCONTRA I CITTADINI, L’ASSESSORE COMUNALE CORSINI DISERTA L’APPUNTAMENTO

SHARE

Al centro del dibattito: ridimensionamento della cubatura e valutazione di impatto ambientale.
Si è svolto il 24 Giugno l’atteso incontro tra il Municipio XI e i cittadini sull’opera di urbanizzazione denominata I-60. La riunione, svoltasi all’Urban Center della Garbatella, è stata organizzata dal Municipio ed ha visto una grandissima partecipazione di associazioni e comitati di quartiere.

 
Il programma di trasformazione urbanistica I-60 prevede la costruzione di un nuovo quartiere tra via di Grottaperfetta, via Berto, Via Ballarin e il Parco del Forte Ardeatino. “L’I-60 comporterà a Grottaperfetta la realizzazione di 400.000 metri cubi di cemento e la distruzione di decine di ettari di verde – precisa Andrea Catarci, Presidente del Municipio XI –  nonché conseguenze drammatiche sulla vivibilità del quartiere, sull’inquinamento della zona e mobilità dell’intero quadrante. È vero che il progetto fu approvato dalla precedente Amministrazione ma oggi, essendo cambiato enormemente il contesto territoriale, nessuno sembra disposto (e ragionevolmente!) a difendere l’idea originaria”. Andrea Baccarelli, Consigliere PdL del Municipio XI, riferendosi all’atteggiamento manifestato dal Presidente dell’XI,  ha dichiarato: “Siamo contenti che il Presidente Catarci abbia preso una chiara posizione sul progetto I-60. C’è voluto però un Sindaco di centro-destra per far parlare Catarci di ridimensionamento della cubatura. Ci aspettavamo che prendesse posizione anche prima, con la precedente Giunta Comunale quando i colori tra Comune e Municipio XI erano contigui”.
All’incontro presso l’Urban Center, era previsto anche un intervento dell’Assessore all’Urbanistica del Comune di Roma, Marco Corsini, che ha disertato l’appuntamento perché trattenuto in Campidoglio. “La Giunta Alemanno – aggiunge Andrea Catarci – continua, sistematicamente, a sfuggire dalle responsabilità e dal confronto con i cittadini e con il Municipio XI. Da parte nostra, come per l’ex Fiera di Roma, apriremo un tavolo tecnico con la cittadinanza, per elaborare una proposta alternativa a quella esistente”.
In risposta alle accuse del minisindaco dell’XI, l’Assessore Comunale ha replicato “Non è vero che l’intero quartiere sia destinato a perdere tutte le aree verdi, perché l’operazione da tempo avviata e definita, se comporta un sensibile incremento di cubature da compensazione, porterà però anche una quota parte, superiore a 20 ettari, del parco di Tor Marancia (ex edificabile e praticamente attaccato al quartiere) che sarà ceduta gratuitamente all’Amministrazione dai compensandi, e sarà attrezzata, a spese dei costruttori, prima che cominci l’edificazione dell’I-60”.
Il Coordinamento Stop I-60 vede nel problema della viabilità un ostacolo insormontabile. Secondo i residenti di zona l’imponente insediamento urbanistico (30 edifici alti fino a 8 piani che ospiteranno migliaia di nuovi abitanti) congestionerà il traffico nei quartieri limitrofi. ”Su via di Grottaperfetta – ha dichiarato il portavoce del Comitato Stop I-60 – è previsto l’aumento del 100% delle automobili. Noi siamo assolutamente contrari al progetto, quindi ci batteremo affinché prima di un’eventuale edificazione si facciano tutte le infrastrutture necessarie per la mobilità”.
Dal Comune l’Assessore Corsini rassicura sul futuro sistema viario del quadrante “Le strade di progetto infatti sono state adeguate alle prescrizioni del Dipartimento della Mobilità e risponderanno molto bene alla nuova viabilità”. Ma i cittadini per infrastrutture sulla mobilità, non intendono semplicemente nuove strade, bensì infrastrutture su ferro come: metro D, prolungamento metro B e un corridoio per la mobilità. Senza queste condizioni il Coordinamento Stop I-60 non scenderà ad alcun compromesso: continuerà le sue attività di protesta e di sensibilizzazione per la salvaguardia del verde e della conservazione dei ritrovamenti archeologici, portando avanti la richiesta alla Regione di una Valutazione di Impatto Ambientale.

Simona D’Auria
Urloweb.com

SHARE