Home Municipi Municipio VIII

Il Liceo Socrate riapre i battenti

SHARE
socrateincendio

Terminati i lavori di sistemazione dopo il rogo dello scorso luglio

LA RIAPERTURA – “Quello che abbiamo osservato in questa vicenda è stata una bella risposta ad una brutta notizia – ha affermato il presidente del Municipio VIII, Andrea Catarci, durante il Consiglio Municipale del 24 luglio nell’Aula Magna del Liceo Socrate – l’impegno di tutte le istituzioni per la riapertura in tempi brevissimi non è cosa da poco, sono proprio i tanti occhi che osservano questa vicenda a garantire buone possibilità di riuscita nel rispetto dei termini”. Dopo l’incendio appiccato nella notte del 14 luglio luglio da quattro studenti, la gara di solidarietà da parte delle Istituzioni sembra aver dato i suoi frutti. La scuola al momento è agibile, mancano solamente alcune suppellettili che verranno consegnate nei prossimi giorni. Per il 9 settembre è prevista una cerimonia per la riconsegna dell’edificio e dall’11 settembre la scuola riaprirà normalmente agli studenti. 

DALL’ASSESSORATO – alle Politiche Scolastiche del Municipio VIII si parla di un risultato meraviglioso: “Soprattutto in un Paese come il nostro dove la scuola pubblica non viene considerata come si dovrebbe – spiega l’Assessore Paola Angelucci – Non è un miracolo, ma la dimostrazione che quando il territorio è partecipe e le istituzione sono pronte e propositive, si ottengono questi risultati. Per fare questo serve che i cittadini e le istituzioni lavorino assieme in forme stabili di collaborazione”.

GESTO SCONSIDERATO – Unica nota dolente, accennata dall’Assessore, riguarda il gesto sconsiderato dei ragazzi: “Bisogna lavorare per comprendere dove il rapporto della famiglia, della scuola e delle Istituzioni con questi ragazzi si sia fermato e abbia fallito. Soprattutto se consideriamo che il gesto è avvenuto in una scuola come il Socrate: un’Istituto aperto e partecipativo – conclude Angelucci – Se accade proprio qui, allora qualche cosa non ha funzionato, è indice di un disagio forte che dobbiamo comprendere”.

FORME DI PARTECIPAZIONE – La volontà dell’Assessorato è quella di mantenere una maggiore presenza negli edifici scolastici, aumentando le possibilità di confronto con l’istituzione di prossimità: “Stiamo progettando alcune giornate di ascolto fra insegnanti e Municipio, in modo da ricreare una stabile forma di partecipazione”. Attraverso questo strumento si spera di comprendere i meccanismi e le macro problematiche che innescano questi comportamenti.

Leonardo Mancini