Home Municipi Municipio VIII

In Municipio VIII parte il Consiglio dei Bambini e delle Bambine

Un nuovo organo istituzionale formato da 30 ragazzi delle quarte elementari del territorio

SHARE

Tratto da Urlo n.175 Gennaio 2020

MUNICIPIO VIII – Sono Melissa, Francesca, Fabio, Filippo, Matteo e tanti altri i piccoli Consiglieri del Consiglio Municipale del Bambini e delle Bambine, che il 20 dicembre scorso ha avuto la sua prima seduta in Municipio VIII. In totale 30 bambini provenienti dalle quarte elementari dei sei istituti comprensivi del territorio municipale. Cinque per ogni plesso estratti a sorte che siederanno sui banchi dell’Aula Piacentina Lo Masto in via Benedetto Croce. I compiti di questo Consiglio, organo che entrerà a far parte a tutti gli effetti dell’istituzione municipale con un suo preciso regolamento, saranno prevalentemente legati ai temi più vicini ai ragazzi, ma quest’assemblea avrà anche una funzione propositiva e di stimolo per il lavoro dei Consiglieri eletti.

UNA VISIONE CHIARA DEL FUTURO

“Ho chiesto ai piccoli Consiglieri e alle piccole Consigliere di presentarsi e di esprimere un desiderio per il proprio quartiere – racconta la presidente del Consiglio Municipale, Antonella Melito – I bambini hanno una visione del futuro chiara ed è dal loro punto di vista che dovremmo approcciarci alle questioni per lavorare ancora di più e meglio per i nostri beni comuni”. Sono tanti i temi sui quali i piccoli consiglieri vorrebbero dire la loro. Ognuno con la sua differente sensibilità, sogna di trattare di bullismo, di corsi del dopo scuola, di laboratori che mancano, di giochi rotti nei parchi e nei giardini e anche, molto più trasversalmente, del cibo della mensa. Nell’aula consiliare sono stati riaffermati valori semplici e importantissimi, come la necessità di realizzare le rampe per abbattere le barriere architettoniche, di avere termosifoni in funzione nelle scuole, ma anche una città più pulita e, con una quanto mai reale e lapidaria affermazione, “strade senza foglie e libri senza errori”. “Su questi banchi cerchiamo con difficoltà di risolvere i problemi del municipio – racconta il Consigliere e presidente della commissione Scuola, Samuele Marcucci di Leu – Forse però ci manca qualcosa nella nostra visione e abbiamo voluto creare questo Consiglio per aiutarci e ottenere un nuovo punto di vista”.

UNA GRANDE RESPONSABILITÀ

“Il nostro Municipio conta 140mila persone – ha esordito il minisindaco Ciaccheri alla prima seduta – e quella che vi prendete oggi è una grande responsabilità. Vi occuperete delle questioni legate ai bambini e alle bambine del territorio che voi rappresentate”. Il compito di questo Consiglio, parallelo a quello ordinario, sarà quello di esprimersi su temi concreti: “Inizieremo subito a lavorare sul Centenario della Garbatella – ha spiegato l’Assessora alla Scuola, Francesca Vetrugno – Vogliamo capire con i ragazzi come possiamo migliorare i progetti e renderli più a misura di bambino”. In ogni caso troveranno spazio anche le questioni che avanzeranno direttamente i piccoli consiglieri. La richiesta dal Presidente Ciaccheri ai trenta ragazzi del Consiglio è molto chiara: “Vi chiediamo di darci una mano perché siamo insufficienti, non abbiamo sguardo attento come il vostro. Inoltre – aggiunge il minisindaco – vi chiedo di non accettare mai risposte semplici, fatevi sempre spiegare quali sono i problemi, perché solo così si trovano soluzioni”.

Andrea Calandra