Home Municipi Municipio VIII

In Municipio VIII si radicalizza lo scontro sul Fosso delle Tre Fontane

SHARE
i60rid6

Il Pd non accetta la mozione penta-stellata: “la vicenda e tecnica non serve darle una valenza politica”

NON SI PLACA LO SCONTRO – tra il Partito Democratico e il Movimento 5 Stelle in Municipio VIII dopo la mancata discussione della mozione per la salvaguardia del vincolo sul Fosso delle Tre Fontane proposta dai Consiglieri Penta-Stellati. 

 

IN AULA – Nel Consiglio municipale di ieri 14 aprile, il M5S ha infatti presentato un ‘fuori sacco’ (una proposta di mozione non precedentemente calendarizzata) che prevede, come da regolamento, l’unanime volontà dei capigruppo per arrivare in discussione il giorno stesso. Altrimenti, come capitato in questo caso per la risposta negativa del Capogruppo democratico, Federico Raccio, verrà inserita nell’ordine del giorno di una delle prossime sedute.

LE MOTIVAZIONI DEL PD – Il M5S ha immediatamente tuonato allo scandalo, dichiarando che, vista la possibilità che venga approvata dalla Giunta Regionale l’eliminazione del vincolo, si potrebbe arrivare a discutere la loro mozione “troppo tardi”. Immediata la risposta dl Capogruppo democratico che ha dichiarato che a fronte di una prossimo parere della Giunta Regionale (ulteriormente rinviata al 3 maggio prossimo), di una indagine da parte della Magistratura e di una prossima udienza di merito del Tar, sul ricorso presentato dai cittadini, di un parere del Comune e di uno del Municipio: “Sarebbe inutile dare a questo atto una valenza politica è inopportuno, la questione è completamente tecnica e non politica”.

Leonardo Mancini