Home Municipi Municipio VIII

La Street Art a Tormarancia

SHARE
street tor maranciaRID

Partono le prime due opere del ‘Villaggio artistico’

TORMARANCIA – Nell’VIII Municipio oramai la street art è di casa. Si moltiplicano sulla rete i blog, anche internazionali, che riportano foto e descrizioni delle opere che grandi artisti stanno portando a termine sul nostro territorio. Negli ultimi mesi però si è cercato di non limitare gli interventi ai soli quartieri di Ostiense o di Garbatella, facendo sbarcare la street art anche a Tormarancia. 

IL PROTOCOLLO – Infatti nel maggio scorso era stato firmato un protocollo tra il Municipio VIII, l’Associazione 999 Contemporary e l’Ater, per l’intervento su 18 facciate di edifici di proprietà dell’ente. Una possibilità di rigenerazione accolta con favore: “Con questo progetto – dichiarava Daniel Modigliani commissario straordinario Ater dopo la firma del protocollo – diamo seguito a quello già realizzato a San Basilio, nella convinzione che l’arte urbana sia uno strumento efficacissimo per dare valore culturale agli interventi di rigenerazione degli edifici e degli spazi pubblici anche per la sua funzione di forte coesione sociale che si crea attraverso il coinvolgimento dei cittadini in questi progetti”. 

LE NUOVE OPERE – In questi giorni sono ripartiti i lavori per due nuove opere proprio su questo territorio. Ad occuparsene gli artisti Diamond e Baudeloque: “Si riparte con la Street Art – spiega il Presidente Andrea Catarci – per le prime due facciate delle 18 totali che tra gennaio e febbraio daranno vita al villaggio artistico di Tormarancia, riqualificando gli edifici di edilizia popolare a costi zero per le amministrazioni, con opere d’arte realizzate da artisti famosi insieme a giovani volenterosi e spesso talentuosi”. Ma la vera novità in questo intervento è la sostenibilità di queste opere attraverso la partecipazione degli abitanti: “La ciliegina sulla torta di tale progetto – conclude il Presidente – è il battesimo ufficiale dell’Associazione composta di ragazzi del quartiere, che prendono parte alle attività e poi si prenderanno cura dei lavori”. 

LM