Home Municipi Municipio VIII

Maltempo, Catarci: “L’emergenza e’ la mancanza di programmazione”

SHARE

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa di Andrea Catarci, Presidente del Municipio XI, relativo all’ondata di maltempo prevista per ieri su Roma.


“Il nubifragio è alle spalle e c’è ora la calma necessaria per fare alcune considerazioni circa le modalità con cui la città si pone di fronte ad eventi meteorologici – veramente o potenzialmente – eccezionali.

 

In primo luogo è evidente che servono meno parole e più fatti. Le Unità di crisi e la mobilitazione delle risorse della macchina capitolina sia a livello centrale che municipale, dal personale interno alle ditte incaricate, può avvenire pur mantenendo una comunicazione pubblica sobria, che non scada in allarmismi, appelli equilibristici sull’opportunità o meno di uscire di casa, foto col casco in testa.

Entrando nel merito, risulta altrettanto evidente come sia ormai possibile fare una programmazione di interventi preventivi che risultano basilari per ridurre l’impatto dei fenomeni. Sia l’odierna Cleopatra che la perturbazione molto più violenta dello scorso anno si sono verificate nello stesso periodo. Tra fine settembre e la prima metà di ottobre va intensificata la pulizia delle fognature e la cura delle alberature, per ridurre il più possibile l’eventualità di dover agire in notturna, o comunque in emergenza.

La terza evidenza è che va pagato chi lavora, ed in particolare chi lo fa in straordinario e notturno, senza orari predefiniti. Invece il personale interno del Municipio Roma XI impiegato a suo tempo per l’emergenza neve ancora non ha ricevuto nulla dal Campidoglio.

Da ultimo ci sono le dichiarazioni di Sveva Belviso a suscitare un mix tra incredulità ed irritazione. L’Assessora e Vice Sindaca ha annunciato che qualche altro maleodorante padiglione dell’ex Fiera di Viale C. Colombo, dove già sono alloggiate permanentemente 50 persone e altre 170 sono in trasferimento, sarebbe stato impiegato per accogliere 250-500 persone. L’ex Fiera è ormai il deposito delle emergenze sociali, per di più senza assicurare gli standard minimi di civiltà. Ma possibile che Roma Capitale non possa avere a disposizione qualche altro luogo e non possa fare qualcosa di più su questo terreno?”

Andrea Catarci
Presidente Municipio Roma XI