Home Municipi Municipio VIII

Montagnola: spuntano le strisce per il mercatino abusivo

SHARE
segni identificativi montagnola

Segni identificati e posti assegnati: la denuncia sul mercato abusivo in via Spedalieri

IL TRIANGOLO DELL’ABUSIVISMO – Proseguono senza sosta i mercatini abusivi in zona Montagnola, in quella porzione di territorio che già in passato avevamo definito il ‘triangolo dell’abusivismo’. Sono tre le strade dove quasi quotidianamente si può osservare questo fenomeno: via Spedalieri, via Acri e via Baldassarre Castiglione. Qui, nonostante le molte denunce e segnalazioni dei cittadini, gli sporadici interventi delle forze dell’ordine non sembrano aver intaccato il fenomeno. Basta una veloce passeggiata lungo queste vie per rendersi conto della tipologia delle merci esposte. C’è un po’ di tutto, dai vestiti usati fino a generi alimentari e piccoli elettrodomestici ancora imballati. Il tutto attorniato da soprammobili, utensili da cucina e pezzi di ricambio usati (?) per auto e moto. 

montagnola segni

STRISCE E CODICI IDENTIFICATIVI – Nei giorni scorsi alcune segnalazioni dei cittadini hanno svelato un altro aspetto di questa vicenda, che dall’illegalità e dall’abusivismo dei mercatini porta a pensare ad un sommerso più grave, fatto di racket e di assegnazioni di posti. Sui social network sono state postate delle immagini che mostrano le bancarelle improvvisate inserite all’interno di strisce gialle, molto simili a quelle istituite dal Comune per i mercati su strada, con tanto di scritte e codici identificativi.

LA DENUNCIA – A parlare della vicenda il 29 aprile è stato il consigliere municipale di NCS, Andrea Baccarelli, che dal suo profilo Facebook annuncia: “Ora basta, si sono fatti anche le strisce da soli”. Allo stesso modo è il consigliere regionale di FDI, Fabrizio Santori, aggiunge: “I cittadini stamane sono usciti di casa con l’assurdità di vedere i propri marciapiedi delimitati con colore giallo e nomi di presunta identificazione atti a suddividere gli spazi tra i venditori abusivi. Si tratta presumibilmente di affitto degli spazi pubblici non autorizzati che non può non far pensare a forme di racket presenti dietro a queste forme di illegalità. Si intervenga una volta per tutte a Montagnola così come a Piazzale Clodio e negli altri quartieri dove ogni giorno si vive questa vergogna, fatta di riciclaggio, degrado e illegalità diffusa”.

Leonardo Mancini

(Foto: Gruppo Facebook Terra di Confine Eur Montagnola)