Home Municipi Municipio VIII

Municipio VIII: Catarci chiede il ripristino delle utenze per lo Sportello Antiviolenza di via Ostiense

SHARE
cagne3

Ma dal centro destra replicano: “Solo l’ennesimo centro sociale coccolato dal Municipio”

LO STOP ALLE ATTIVITÀ – Nella giornata di ieri le attiviste del Collettivo Cagne Sciolte di via Ostiense 137, hanno manifestato in Municipio VIII il loro dissenso nei confronti del distacco delle utenze da parte di Acea. In particolare, spiegano le attiviste, è risultato impossibile continuare gli incontri dello Sportello antiviolenza: “Lo sportello da più di un anno ormai pratica la propria lotta contro la violenza di genere nello spazio occupato dal Collettivo delle Cagne Sciolte, questo venerdì però non ci sarà nessuna possibilità di accogliere le donne – si legge sul sito del Collettivo – il distacco della corrente elettrica e dell’acqua effettuato da ACEA, accompagnata dal corpo militare dell’Arma dei Carabinieri, il 3 novembre, di fatto rende inagibile lo spazio occupato e lo sportello antiviolenza”. 

LA RICHIESTA DEL MUNICIPIO – Dopo poco arriva la richiesta, comunicata poi a mezzo stampa, fatta dal Presidente Andrea Catarci nei confronti di Acea. “Nella mattinata di oggi, le operatrici e le volontarie dell’Associazione Una Stanza Tutta per Sé, dello Sportello Antiviolenza per Donne di via Ostiense, hanno voluto simbolicamente portare la loro protesta all’interno della sede del Municipio Roma VIII, per la chiusura della fornitura dell’acqua e della luce da parte di ACEA”, ha scritto Catarci. Che poi aggiunge: “Si fa appello all’azienda comunale a cui affinché si trovi una soluzione che permetta di ripristinare un servizio di ascolto ed intervento per le donne vittime di violenza, presente sul nostro territorio da diversi anni e che è diventato un punto di riferimento non solo per le donne del Municipio Roma VIII ma di tutta la città”.

LA REPLICA DELL’OPPOSIZIONE – Una situazione questa che in qualunque altro caso avrebbe stimolato l’indignazione di tutte le forze politiche, così però non è stato. È infatti il capogruppo di FI in Municipio VIII, Simone Foglio, a rispondere alle richieste che il Presidente ha indirizzato all’Acea. “Quello che il Presidente Catarci chiama ‘sportello anti violenza’ e al quale è stata interrotta la fornitura di energia elettrica, è in realtà l’ennesimo centro sociale del territorio, tutelato e coccolato dalla giunta di sinistra e dal PD che governa il Municipio VIII”, dichiara Foglio. Che poi aggiunge: “Se Acea ha interrotto la fornitura elettrica alle cosiddette “Cagne Sciolte” – questo il nome del gruppo di attiviste che hanno occupato la struttura Ndr – presumo abbia avuto validi motivi”. Il Consigliere forzista punta poi ad analizzare l’appello lanciato dal Presidente Catarci nei confronti ‘dell’azienda comunale affinché si trovi una soluzione’: “In cosa dovrebbe tradursi? – si chiede Foglio – Fornire gratis elettricità agli occupanti abusivi di uno spazio di proprietà del Comune di Roma e che praticano nel quartiere una azione politica vicina agli ambienti dell’estrema sinistra? Siamo seri per favore – conclude Foglio – Invitiamo invece il Presidente del Municipio e quel che rimane del Partito Democratico di zona, a concludere in modo dignitoso la loro fallimentare esperienza di governo e ad effettuare una verifica su tutti quegli spazi utilizzati non a scopo abitativo e occupati illegalmente, ai quali viene fornita gratuitamente energia elettrica”.

LeMa