Home Municipi Municipio VIII

Municipio VIII M5S all’attacco: un bilancio deludente, ma non per tutti

SHARE
opposizioneVIII

I penta-stellati in Comune chiederanno lo spostamento di fondi dal Centro Sociale La Strada all’edilizia scolastica

CRITICHE SULL’ASSEGNAZIONE DI FONDI – Sul documento di bilancio di Roma Capitale, anche quest’anno, non sono mancate le polemiche. Da più lati è stato definito un bilancio ‘lacrime e sangue’, ma anche un documento in transizione in attesa degli aggiustamenti di settembre. In ogni caso è il M5S che nel Municipio VIII punta il dito soprattutto su alcuni finanziamenti: “Come il M5S aveva preannunciato, i cittadini romani assistono allibiti alla solita ricetta: aumento delle tasse e diminuzione dei servizi pubblici – spiegano il Capogruppo penta-stellato al Municipio VIII, Carlo Cafarotti e la Consigliera Valentina Vivarelli – Tuttavia questa amministrazione riesce sempre a trovare bei soldini per ciò che più le sta a cuore ed ecco che compaiono ben 434.000 euro per il Centro Sociale “La Strada” nel Piano degli Investi 2014 – 2016 di Roma Capitale. Il M5S si e vi chiede: ma non potevamo impiegarli meglio questi fondi?”.

 

POCHE RISORSE PER IL SOCIALE – La gravità di questi stanziamenti, come spiega il M5S, è palese quando nel Municipio VIII persistono problemi che non vengono sanati dal bilancio: “Non solo non si riesce a smaltire le liste di attesa per l’assistenza minori e disabili (circa il 25% di loro rimane fuori assistenza ogni anno), ma sono anche a rischio chiusura alcune strutture d’eccellenza, mentre due case famiglia sarebbero pronte, ma in attesa di diventare operative – seguita il Capogruppo Cafarotti – In tutto 1 milione è stato sottratto a questa voce e a farne le spese sono come al solito i soggetti più deboli della nostra società che, nel migliore dei casi, graveranno ancora di più sulle famiglie sia al livello economico che organizzativo”.

LO STATO DELLE STRUTTURE SCOLASTICHE – Non sembra una novità, da sempre le ‘Scuole del Regno’ hanno bisogno di manutenzioni spesso straordinarie. Poche aule, problemi di riscaldamento oppure infiltrazioni d’acqua: “problemi vengono gestiti solo post-emergenza, mentre le insegnanti sono occupate a capire come poter lavorare in questa grave e cronica carenza di personale. Sapete – chiede retoricamente Cafarotti – quanti soldi sono stati destinati per la disinfestazione e derattizzazione in tutte le scuole (nidi, materne, elementare e medie)? Zero”. La metà dei fondi, rispetto al 2013, anche per gli asili nido: “Per pulizia ad esempio il budget è Zero – seguita – Manutenzione ordinaria materne? Solo 112.000 euro per tutte le scuole e per tutto il 2014. Per i nidi la quota è ancora inferiore, 89.000 euro, in diminuzione di quasi 20.000 euro rispetto al 2013”.

MANUTENZIONE ORDINARIA, CULTURA E DEGRADO – Seguita l’elenco dei fondi, sottostimati nei confronti delle reali necessità: “Poco più di 2.000 euro, è prevista per la manutenzione dei tombini e delle fognature, eppure tutti ci rendiamo conto di cosa sta vivendo in questi giorni la capitale a causa di qualche temporale . seguitano i consiglieri del M5S – La cultura ormai non ne parliamo nemmeno, salvo che poi a Natale, improvvisamente, piovono dal cielo di Roma capitale 40.000 euro per i festeggiamenti del nuovo anno, allora un bando viene pubblicato in fretta e furia, e poi magari lo vediamo vinto dalle solite associazioni”. Altro discorso poi il decoro Urbano, per il quale il M5S all’inizio di questa consiliatura aveva chiesto e ottenuto con il voto dell’Aula, l’istituzione di una apposita figura con la responsabilità di recepire le segnalazioni dei cittadini: “Alla già scarsa capacità di contrastare gli abusi di cui è vittima il nostro territorio – spiegano – si somma la assoluta incapacità del Municipio di ripristinare il decoro urbano, con il risultato dello stato indecoroso in cui versano I nostri quartieri. In questo bilancio i fondi per la lotta al degrado, ovvero quelli destinati alle opere di ripristino, sono di fatto come nulli”.

DIROTTARE I FONDI PER ‘LA STRADA’ – La decisione del M5S è stata quella di contrastare il documento di bilancio solamente in sede capitolina, con appositi emendamenti “per chiedere che i fondi destinati al centro sociale ‘La Strada’, circa 434.000 €, siano dirottati principalmente sull’edilizia scolastica del nostro Municipio. Purtroppo – seguitano – l’attuale amministrazione destina risorse carenti per la gestione della cosa pubblica, salvo poi oscillare verso l’assegnazione improvvisa e repentina di soldi che Roma Capitale trasferisce senza preavviso e con scadenze estremamente ristrette”. L’episodio citato riguarda i 40.000 euro stanziati sotto natale per eventi culturali legati alle festività: “Questa gestione agevola solo pochissimi soggetti a discapito del bene comune. I cittadini dell’VIII Municipio, come tutti I romani, sono stufi di vedere fondi straordinari assegnati solo attraverso metodi inopportuni, per non dire poco legittimi, sono stufi di vedere questi atteggiamenti legittimati, a volte sarebbero addirittura incoraggiati, da questa maggioranza, e lo sono ancor più adesso che in questo Bilancio i soldi non ci sono nemmeno per lo stretto indispensabile”.

Leonardo Mancini