Home Municipi Municipio VIII

Municipio VIII: rifiuti in strada

SHARE
ama garbatella2dic2013

Catarci: “in attesa del porta a porta vorremmo comunque vivere”

I RIFIUTI IN STRADA – Nel periodo autunnale le strade dei nostri quartieri, quei bei viali alberati che fanno da sfondo nelle nostre passeggiate estive, si riempiono di foglie secche spazzate dal vento. Formano cumuli che, troppo spesso, nessuno raccoglie. Nel Municipio VIII nelle ultime settimane a questo problema si è aggiunto quello dei rifiuti non ritirati con frequenza.

 

A LAMENTARE IL DISAGIO – è il presidente del Municipio VIII, Andrea Catarci, che spiega come “Non passi giorno senza che vengano segnalati al Municipio dei disservizi irritanti in tema di raccolta rifiuti. Questa volta ad essere lasciate all’incuria, con i cumuli di immondizia a straripare dai cassonetti alla strada ed al marciapiede, sono state alcune zone del quartiere Garbatella, in particolare Via Rocco da Cesinale”. Tutto il territorio municipale sembra essere però segnato dall’incuria nel ritiro dei rifiuti: “Nei giorni e nei mesi passati le stesse situazioni si sono verificate all’Ostiense, a San Paolo, a Tor Marancia, a Roma 70, con alcuni casi in cui si devono ancora rimuovere i cumuli d’erba segnalati per la prima volta ad agosto”, ha spiegato il minisindaco.

LA DIFFERENZIATA – Il nuovo sistema di raccolta Porta a Porta di Ama, ad ogi in funzione in alcuni municipi limitrofi, dovrebbe partire anche nel Municipio VIII nel prossimo anno: “Dopo aver invocato invano il porta a porta dal 2007 – conclude Catarci – ma nel frattempo si vorrebbe vivere”.

IN RISPOSTA – al comunicato dl Presidente Catarci, è il consigliere del PdL municipale, Simone Foglio, ad alimentare la polemica politica, invitando: “Il Presidente Catarci a contattare il vice Sindaco, espressione del suo stesso partito, disturbandolo per ricordargli che, oltre alla pedonalizzazione dei Fori, il quotidiano dei cittadini migliorerebbe se si facesse rispettare il ritiro dei rifiuti anche nel nostro umile territorio”.

Leonardo Mancini