Home Municipi Municipio VIII

Municipio VIII verso la riorganizzazione del commercio su strada

SHARE
commercio circ ostiense

Tra sperimentazioni e controlli, si punta ad affrontare al meglio l’appuntamento giubilare

Tratto da Urlo n.128 ottobre 2015

SAN PAOLO–GARBATELLA – Con tre fermate della metropolitana, alcune strade molto commerciali, le facoltà universitarie e la Basilica di San Paolo, il Municipio VIII è un territorio emblematico dal punto di vista del commercio su strada. Già in passato sono stati molti i provvedimenti, più o meno fattivi, per regolare questo tipo di attività. Se il Regolamento Comunale da questo punto di vista è stringente, con licenze, rotazioni, occupazione di suolo pubblico da pagare e metri quadrati di esposizione da rispettare, la realtà spesso è tutt’altra. Succede infatti, come manifestato dalle segnalazioni dei cittadini, che queste indicazioni non vengano rispettate. Si va dal metro quadrato in più occupato oltre il limite consentito, fino a quello che viene definito “abusivismo commerciale”, con merci non regolari, su posizioni non autorizzate e in assenza di qualsiasi licenza. “I problemi sono tantissimi – ci spiega il Consigliere di FI in Municipio VIII, Franco Federici, mentre ci accompagna sulla Circ.ne Ostiense – In questa strada la situazione non è più sostenibile”. Durante la nostra breve passeggiata vediamo molte questioni al limite. Dai marciapiedi invasi da merci in vendita, che in alcuni tratti rendono difficile il passaggio, fino a camioncini in doppia fila o posteggiati sugli attraversamenti pedonali e alle fermate degli autobus. “In più le coperture delle bancarelle spesso coprono le insegne dei negozianti, per le quali vengono pagate fior di tasse – seguita Federici – Poi su questa strada, come in molti parti del territorio, siamo invasi dai commercianti abusivi, senza nessuna licenza o tasse pagate”. Il Consigliere ci racconta di aver presentato molti atti in merito all’abusivismo commerciale, coadiuvati anche da una raccolta di oltre 400 firme: “Abbiamo richiesto maggiori controlli sulle metrature e le licenze, oltre ad aver segnalato costanti violazioni del codice della strada. Purtroppo dopo un anno e mezzo di atti ancora non siamo riusciti ad ottenere nulla. Anzi, alle promesse di diminuzione delle postazioni è seguito un aumento delle autorizzazioni rilasciate”. Federici ci parla anche di una proposta avanzata in Commissione Commercio prima dell’estate: “Lo square centrale di Circonvallazione Ostiense è una zona abbandonata, non lo possiamo nemmeno chiamare giardino. Non viene manutenuto ed è in condizioni tali da non essere nemmeno un passaggio pedonale. La nostra proposta è quella di trasferire tutti i commercianti regolari in questo spazio, creando una vera e propria passeggiata commerciale, liberando i marciapiedi e ridando spazio ai negozianti della via”. 

Una proposta della quale abbiamo chiesto conto all’Assessorato al Commercio municipale, con Anna Rita Marocchi che assicura: “Già a maggio è stata fatta una grossa operazione di controllo con tanti verbali e sequestri di merce, vedremo quante risorse verranno messe in campo per la lotta all’abusivismo: purtroppo se non si possono portare avanti degli interventi continui dopo poco il fenomeno si ripresenta”. L’Assessore non manca di sottolineare la possibilità che questo tipo di commercio possa essere spostato al centro dell’importante arteria: “Porteremo avanti un tavolo di confronto con i commercianti e i rappresentanti sindacali di categoria per trovare una soluzione e proporre questo spostamento a fronte di una riqualificazione dell’area”, spiegando che anche altre possibilità potrebbero essere messe in campo, come la segnalazione a terra degli spazi consentiti, con borchie o altri mezzi, ma riconoscendo che lo spostamento al centro della carreggiata potrebbe non incontrare le aspettative dei commercianti: “È probabile che questa iniziativa non troverà consenso – ci dice la Marocchi – ma a me non piacciono i ‘no’ secchi, parliamone”. In tutto questo l’Assessore non manca di ricordare la necessità di ottenere dei controlli di routine su tutte le posizioni autorizzate e sulle metrature consentite, soprattutto perché queste non vengono decise dall’Amministrazione municipale: “Le posizioni ci vengono imposte dal Dipartimento centrale, noi possiamo soltanto subirle e governarle al meglio. La nostra prima delibera in merito è dell’ottobre del 2013, da allora non abbiamo mai smesso di operare per migliorare la situazione, auspicando un tavolo con le Forze di Polizia ottenuto soltanto adesso, grazie al quale si iniziano a vedere i primi risultati, portando avanti sperimentazioni come quelle in atto a San Paolo in vista dell’appuntamento Giubilare”.
In corrispondenza della Metro San Paolo, con l’arrivo del Giubileo Straordinario e di tantissimi pellegrini diretti alla Basilica, la situazione del commercio su strada non poteva non essere presa in considerazione. “Durante il mese di luglio ci sono stati controlli continui e il fenomeno di abusivismo e di posizionamento delle merci oltre i limiti consentiti si è ridotto – spiega l’Assessore – Io non credo alle azioni di repressione, infatti stiamo dialogando con le associazioni di categoria per razionalizzare spazi e rotazioni. Con l’impegno da parte loro del rispetto dei regolamenti comunali”. L’obiettivo è non vedere più merci invadere il marciapiede fino ad impedire il passaggio. Inoltre si punta ad un leggero spostamento dei commercianti all’incrocio tra via Giustiniano e via Ostiense, per agevolare ulteriormente il transito dei tanti turisti e pellegrini diretti alla Basilica. “Si creerà uno spazio apposito con piazzole e dissuasori che però permetta anche il carico e scarico delle merci, senza diminuire assolutamente i posteggi in prossimità della stazione, anzi rendendo gli esistenti maggiormente fruibili”.

Purtroppo il fenomeno, se con regolamenti più stringenti, sperimentazioni e controlli serrati si può governare, va anche analizzato di volta in volta in relazione agli spazi e ai quartieri che interessa. È questo il lavoro che sta portando avanti la Commissione Commercio in Municipio VIII: “Come commissione abbiamo inquadrato le zone più critiche come le stazioni della metro e la Circonvallazione Ostiense, ma non possiamo dimenticare i problemi di strade come via Baldovinetti e Paolo di Dono – ricorda il Presidente della Commissione, Valerio Geronaldi di Lista CivicaSi è aperto un tavolo di confronto con l’Assessorato e i funzionari dell’VIII Gruppo di Polizia Locale di via Ballarin, che hanno manifestato come problema principale la scarsità di risorse e uomini per effettuare controlli continui. Faremo presto una nuova commissione tematica in cui presenteremo gli interventi messi in campo e i risultati ottenuti”.

Leonardo Mancini