Home Municipi Municipio VIII

Nomadi Montagnola: dopo la mozione di Ncd arriva la replica del Presidente Catarci

SHARE
insediamentoperna

Catarci: “Non bastano gli sgomberi bisogna restituire funzioni a luoghi non governati o ingovernabili”

LA REPLICA DEL MUNICIPIO VIII – Dopo la votazione in Consiglio Municipale che ha portato alla bocciatura della Mozione del Capogruppo di Ncd, Andrea Baccarelli, sulla realizzazione di un intervento per lo sgombero degli insediamenti abusivi alla Montagnola, è il Presidente Catarci ad intervenire e a ribadire la posizione della sua maggioranza: “Come il Municipio affronta le questioni complicatissime degli insediamenti in aree improprie, a Montagnola e in altre zone? – si chiede retoricamente il minisindaco – Nell’impostazione generale come si è fatto all’ex Dazio in questi giorni e a Lungotevere San Paolo già da un po’: restituendo funzioni proprie a pezzi di territorio non governati e ingovernabili, affidando compiti a realtà socialmente utili come le due organizzazioni di protezione civile coinvolte”.

NON SOLO SGOMBERI – Una posizione già assunta dal Presidente Catarci in occasione dello sgombero di Luglio, quando ci tenne a specificare che “Affinché questi interventi siano risolutivi, serve ampliarne la portata predisponendo un’immediata ed efficace riqualificazione delle porzioni di territorio interessate: e se non sono pubbliche vanno richieste ed imposte ai proprietari”. Vicende come queste secondo il Presidente non si governano solo con gli sgomberi: “È questo per cui lavora il Municipio Roma VIII, convinti che ciò debba andare di pari passo con un’azione generale di potenziamento dei servizi sociali e della lotta alla povertà. Per tali azioni si fa appello a Roma Capitale e alla Regione Lazio affinché sia sviluppato uno sforzo congiunto ed efficace”. 

UN PROCESSO LUNGO E DIFFICILE – quello che dalla presidenza del Municipio VIII viene prospettato, con il coinvolgimento di realtà e associazioni che si occupino di utilizzare gli spazi strappati al degrado e all’abbandono: “Questo è difficile – seguita Catarci rispondendo ai residenti della Montagnola su Facebook – perchè implica una relazione con tali realtà senza alcun rapporto di tipo economico, ma permette di rendere duraturi gli interventi e in cambio assicura più operatività alle stesse realtà”. Sul quadrante della Montagnola l’impegno dell’Amministrazione municipale, oltre ai problemi già esposti, si è scontrata anche con la proprietà delle aree: “Alla Montagnola il Municipio si è mosso coinvolgendo tutti gli attori istituzionali senza rincorrere interventi-spot ed affrontando l’ulteriore difficoltà di avere a che fare con aree private. Solo in parte si è raggiunto l’obiettivo – seguita il Presidente – proprio per la difficoltà di avere referenti come negli altri casi ricordati e per il fatto che nel territorio intorno di ‘vuoti’ ce ne erano e ce ne sono parecchi altri”. 

SBAGLIATA LA RICETTA DEL CENTRO DESTRA – In replica alle parole del Capogruppo Baccarelli, il Presidente Catarci ci tiene ad analizzare quanto fatto dall’Amministrazione Alemanno negli ultimi cinque anni di consiliatura: “L’opposizione di centro destra ritiene che è tutto più semplice e che basta far finta di mostrare quei muscoli che in realtà non si hanno, ha agito secondo questa logica per i cinque anni che ha governato la città e ci ha consegnato, alla scadenza, un quadro molto più consistente di micro, medi e consistenti insediamenti, cioè ha fallito su tutta la linea. Liberi loro di continuare a propagandare il loro credo – aggiunge – liberi noi di non condividerlo e di battere altre strade, liberi i cittadini di fare le loro valutazioni”. Ancora una volta Catarci apre al dialogo con la cittadinanza: “Disponibile a parlarne con i cittadini, con le ‘carte alla mano’ ovviamente – conclude Catarci riferendosi alle molte note inviate alle autorità competenti e ai Dipartimenti di Roma Capitale per sollecitare una risoluzione della vicenda – nonchè per avere suggerimenti su eventuali azioni da provare ad attuare, ricordando che si ha a che fare con un’istituzione municipale e non con una imperiale”. 

Leonardo Mancini