Home Municipi Municipio VIII

Nomadi Montagnola: i cittadini segnalano un nuovo insediamento

SHARE
insediamentoperna

Ancora una volta viene presa di mira un’area privata in abbandono

UN NUOVO INSEDIAMENTO – I cittadini della Montagnola in agosto non hanno smesso di vigilare sul loro quartiere e di segnalare ogni abuso. Dopo lo sgombero lungo via Laurentina, la situazione del quadrante non sembra essere migliorata. Un nuovo insediamento starebbe sorgendo all’interno del centro sportivo di via Luigi Perna, a meno di cinquanta metri dall’area privata sgomberata il 31 luglio scorso. 

LE SEGNALAZIONI DEI CITTADINI – I cittadini dell’Associazione Montagnola Terra di Confine hanno scritto nuovamente alla presidenza del Municipio VIII, segnalando l’accaduto: “Dopo aver sgombrato il campo dietro il Carrefour, si sono insinuati dentro il centro sportivo su via Luigi Perna – si spiega nella mail inviata al Presidente Catarci il 21 agosto – Sono sempre le stesse facce, che continuano a non rinunciare ai loro giri di zona. Siccome non ci arrenderemo neanche questa volta a vivere in queste condizioni pietose e pericolose meglio prendere in tempo questa situazione prima che peggiori e la spesa per lo sgombero aumenti”. La mail prosegue riportando le segnalazioni pervenute all’Associazione da parte dei residenti della Montagnola: “Per ora ci hanno segnalato tre tende, ma da esperienze questa gente si allarga molto velocemente. Spero possiamo risolvere questa ennesima situazione (senza parlare del mercatino del rubato e dell’altro accampamento a via Spedalieri già più volte segnalato) per tempo e per evitare che Montagnola diventi il Bronx di Roma”.

LA RISPOSTA DEL MUNICIPIO – A rispondere ai cittadini è la Vice Presidente dal Municipio VIII Anna Rita Marocchi, presentando una nota datata 22 agosto destinata alla Delegata alla Sicurezza di Roma Capitale Rossella Matarazzo, all’Assessora all’Ambiente Estella Marino, al Comandante della Polizia Locale Raffaele Clemente, Al Comando dei PICS e all’VIII Gruppo di Polizia Locale. Nella nota la Vice Presidente spiega che la “Situazione nell’area in oggetto è diventata nuovamente insostenibile”, oltre ad un veloce intervento torna a chiedere “la bonifica della zona, con il taglio della folta vegetazione e la rimozione dei materiali di scarto presenti”. Una operazione che, come per il precedente sgombero su via Laurentina, dovrà probabilmente essere effettuata in danno nei confronti dei proprietari dell’area. 

L’ATTACCO DELL’OPPOSIZIONE – Dall’opposizione municipale non mancano le reazioni a questo nuovo insediamento. Dopo le molte dichiarazioni sull’inefficienza maggioranza il Capogruppo del Ncd, Andrea Baccarelli, torna all’attacco: “Il Municipio e il Campidoglio non riescono a difendere il loro territorio nei confronti dell’illegalità. Basta nascondersi dietro l’alibi della proprietà privata. Le Istituzioni hanno l’obbligo di tutelare il decoro e la sicurezza dei cittadini anche eventualmente con azioni in danno ai proprietari di aree private. Purtroppo – conclude – non ci possiamo aspettare nulla di più da chi ha sempre difeso le occupazioni abusive fino a farsi occupare addirittura la sede del Municipio”. 

Leonardo Mancini