Home Municipi Municipio VIII

Preferenziale Viale Marconi: riparte l’iter con un percorso che coinvolge anche San Paolo

Conferenza di Servizi e progetto esecutivo entro l’anno, questa la speranza dell’Amministrazione

SHARE

MARCONI – Ci sono importanti novità in merito al progetto per la realizzazione di una preferenziale su viale Marconi. L’idea, da tempo all’ordine del giorno delle opere attese da questo territorio, era tornata alla ribalta lo scorso anno dopo una serie di incontri con la cittadinanza animati dalla commissione Mobilità capitolina e da quella municipale.

LA VOTAZIONE ONLINE – Nel maggio del 2017 l’Amministrazione comunale aveva anche dato il via ad una consultazione online per ascoltare le opinioni dei cittadini sulla migliore ipotesi per la realizzazione di una doppia corsia preferenziale su viale Marconi. Il progetto risultato vincitore è stato quello della ‘Corsia preferenziale centrale simmetrica’. Una corsia preferenziale e una ciclabile su ciascuna carreggiata, nei due diversi sensi di marcia, al centro della strada (con gli alberi che restano dove sono ora). Su ogni carreggiata al traffico privato sono riservate due corsie per senso di marcia. Lateralmente a ogni carreggiata è disposta una fila di parcheggi, tranne nei punti in cui sono previste le nuove fermate degli autobus.

LO SLITTAMENTO DEI TEMPI – La speranza avanzata dall’Amministrazione era quella di arrivare alla presentazione di un progetto esecutivo entro e non oltre il 31 dicembre 2017 prossimo, per vedere i risultati entro un paio d’anni. Purtroppo i tempi si sono dilatati. “Il progetto non sparisce, anzi va avanti in maniera sempre più determinata e condivisa – affermava il consigliere capitolino Enrico Stefàno nel luglio scorso – È necessario solamente più tempo per la fase di progettazione, proprio per l’importanza che riveste, e quindi i fondi a disposizione per quest’anno (che non si sarebbero potuti utilizzare se non completando la progettazione esecutiva entro dicembre) sono stati rimodulati sulle successive annualità”.

LE NOVITÀ – È la seduta della commissione capitolina Mobilità svoltasi questa mattina a riaccendere la speranza su quest’opera. Infatti ai commissari è stato presentato un progetto che in massima parte ricalca quanto votato dalla cittadinanza. Le corsie preferenziali, già predisposte per la successiva elettrificazione e il passaggio di filobus e tram, saranno due e verranno posizionate al centro del viale. Si salvaguarderanno le alberature e verranno predisposte due piste ciclabili. Il traffico privato sarà assicurato da una corsia per senso di marcia (della dimensione di 4 metri), mentre i posti auto saranno assicurati in una fila al lato dei marciapiedi.

IL NUOVO PERCORSO – Le novità più interessanti, così come ci vengono riportate dal presidente della commissione municipale Mobilità, il consigliere del M5s Marco Zuccalà, riguardano principalmente il percorso della nuova corsia preferenziale. Questa partirà dalla Stazione Trastevere, scendendo verso viale Marconi. Proseguirà per tutto il viale fino a dopo il ponte sul Tevere. A questo punto la tramvia svolterà verso sinistra per fare capolinea alla Basilica di San Paolo, a poca distanza dalla Stazione della Metro B. La corsia preferenziale proseguirà inoltre sul viale in direzione della fermata Metro Marconi, che sarà servita dai bus. “Questo – afferma il consigliere Zuccalà – è un progetto che porta un po’ di Europa anche nella nostra Capitale”.

I TEMPI – A quanto apprendiamo i fondi per la realizzazione dell’opera (in totale tra i 5 e i 6 milioni di euro) sarebbero già stanziati per quest’anno. I tempi infatti sono stretti, entro un mese l’Amministrazione conta di avere il progetto definitivo così da poter aprire la Conferenza di Servizi. In questo modo si dovrebbe riuscire a stilare il progetto esecutivo entro l’anno, per poi mettere a bando l’opera e far partire i lavori. “La speranza è che si riesca ad inaugurare la corsia in un paio d’anni – afferma Zuccalà – al massimo entro la fine di questa consiliatura”.

Leonardo Mancini