Home Municipi Municipio VIII

Prosegue la campagna acquisti di Fdi tra i grillini romani: è la volta di Paolo Pace

L’ex minisindaco del Municipio VIII ha regolarizzato oggi il passaggio a Fdi

SHARE

IL PASSAGGIO – I vertici romani di Fratelli d’Italia hanno presentato quest’oggi l’entrata dell’ex Presidente Paolo Pace all’interno del Partito. In una conferenza stampa nella sede dei gruppi capitolini in via del Tritone erano presenti anche Massimo Milani, commissario di Fdi a Roma e portavoce cittadino, insieme al capogruppo capitolino Fabrizio Ghera, a Fabio Rampelli, capogruppo di Fdi alla Camera e ai consiglieri capitolini Andrea Di Priamo, Maurizio Politi e Rachele Mussolini.

I MOTIVI – L’ex minisindaco del Municipio VIII aveva già lasciato il M5s a seguito delle sue dimissioni avvenute lo scorso aprile. “Auspico che le persone valide e i professionisti seri possano rendersi conto che non c’è futuro nel M5s, perchè si viene attaccati proprio per le competenze e le conoscenze – ha detto Pace in conferenza stampa – Non ho bisogno di fare politica per guadagnare, lo faccio per mettere a disposizione della comunità le mie conoscenze ed esperienze. È questo il vero motivo. Cosa che ho sempre fatto negli ultimi 15 anni, iniziando come volontario. L’unico obiettivo per me è realizzare un progetto a beneficio della società”. La scelta di passare a Fdi sarebbe maturata perchè “sono stato accolto come in una grande famiglia – ha aggiunto Pace – Questa sensazione di calore e supporto che ho avvertito, non l’ho sentita nel M5s dove sono stato lasciato solo nel momento del bisogno”.

DA FDI – Il consigliere Capitolino di Fdi, Andrea De Priamo ha salutato con favore la decisione di Pace, che “credendo nel cambiamento e non avendo trovato una risposta, in questo senso nel M5s, ha riconosciuto in Fdi il cambiamento – ha detto De Priamo – Siamo felici per il suo ingresso: ha dimostrato coerenza davanti alle ale intransigenti e incompetenti del municipio. Ha deciso di rimettere il mandato e di ripartire”. Il progetto che si delineerebbe attorno a Pace è chiaro e lo ha spiegato il capogruppo capitolino Rampelli: “Siamo convinti che intorno a Paolo Pace si possano raccogliere persone che lasciando da parte ideologie e dogmi superino gli sfascismi che allontanano i problemi dalla loro soluzione”. Per Fdi l’VIII municipio “è importante – ha sottolineato Rampelli – perché ha dato i natali alla presidente Giorgia Meloni e vi abbiamo fatto battaglie storiche che, come nel caso del Parco di Tornarancia, che nessuno è stato in grado di realizzare nonostante i fondi a disposizione. Vogliamo attraverso Pace canalizzare la delusione di tanti elettori M5S verso questi progetti”.

IL COMMENTO – Tra i primi commenti arrivati dopo il passaggio di Paolo Pace nelle fila di Fdi, c’è quello dell’ex presidente e consigliere d’opposizione Andrea Catarci: “Complimenti una volta di più al M5s municipale e capitolino: avete proprio scelto il meglio per il Municipio VIII, un bel Presidente che ha tentato per dieci mesi di fare lo sceriffo tutto ‘chiacchiere e distintivo’, finendo per chiudere un po’ di servizi importanti, lasciare nell’abbandono i nostri quartieri, assumere posizioni servili e surreali su gran parte delle questioni locali, grandi e piccole. Dopo sono venute le dimissioni, il commissariamento dell’Ente di prossimità e la confessione finale, con il passaggio odierno a Fratelli d’Italia. Complimenti davvero alla Sindaca Raggi ed al M5s capitolino e municipale, il vostro ‘nuovo’ puzza sempre più di destra vecchia”.

Leonardo Mancini

SHARE