Home Municipi Municipio VIII

Prostituzione: da Marconi a San Paolo coprifuoco alle 19

SHARE
Prostituzionerepertorio21

Continuano le segnalazioni dai cittadini, sul fenomeno che diventa sempre più evidente

AUMENTA IL FENOMENO – Continuano le segnalazioni legate al crescente fenomeno della prostituzione sull’asse Marconi. In particolare la situazione sembra essere divenuta insostenibile nei quadranti di Ostiense e San Paolo. A parlare della vicenda è Augusto Santori del comitato Difendiamo Roma, e Claudio De Santis, Presidente del CdQ L’Ostiense: “I residenti denunciano un evidente peggioramento della situazione prostituzione in strada. Sono numerosissime infatti le prostitute su strada già dalle 19 della sera nel tratto che va da Viale Marconi, all’altezza via Gibilmanna, per poi proseguire fino a Via Casamari e continuando di fronte alla stazione metro Marconi”.

LE STRADE – Il fenomeno non si limita a queste zone, come affermato anche da un nostro recente articolo: “Coinvolge anche Largo Veratti e Largo Enea Bortolotti – seguitano Santori e De Santis – Si tratta di un numero considerevole di prostitute che oramai stazionano anche alle fermate degli autobus e sul fronte della carreggiata dove chiaramente si assiste, oltre che a un degrado inenarrabile, anche ad un rallentamento della viabilità e ai conseguenti pericoli stradali”.

IL COPRIFUOCO – Nelle nostre interviste avevamo incontrato alcuni negozianti dell’area che sottolineavano come la presenza di prostitute sulla strada non si limitasse soltanto alle ore notturne, ma bensì iniziasse ad essere visibile già dalle ultime ore del pomeriggio: “I residenti dopo le 19 sono oramai rinchiusi in casa e assistono dalle loro abitazioni a questa situazione davvero intollerabile, un vero e proprio coprifuoco – aggiungono – Senza naturalmente considerare il fatto che taluni di questi atti a pagamento si consumano proprio all’interno dei condomini. Una vergogna di cui solo le Istituzioni sembrerebbero non essersi accorte”.

LM