Home Municipi Municipio VIII

Teatro Palladium: a rischio la stagione 2014

SHARE
teatro palladium

I tagli del bilancio previsionale del 2013 di Roma Capitale portano alla cancellazione di molti degli spettacoli in programma

 

UN PERIODO DELICATO – per la cultura nel Municipio VIII, se da un lato non mancano le iniziative, come l’inaugurazione della nuova opera di Sten & Lex a via Caffaro e le iniziative del bando Cultura ReStart, dall’altro non mancano le polemiche, come quelle sull’assegnazione dei fondi e la trasparenza, avanzate dai consiglieri 5 Stelle nelle scorse settimane. Oggi, a questa vicenda si aggiunge anche la possibile riduzione della stagione teatrale del Palladium per il prossimo anni.

LO COMUNICA – il CDA della Fondazione Romaeuropa in una nota: “Il consiglio di amministrazione della Fondazione nella sua riunione del 17 dicembre 2013, al seguito dei tagli economici ricevuti nel mese di novembre e dell’incertezza relativa ai finanziamenti pubblici locali per il 2014, conferma la decisione di cancellare la sua stagione 2014 del Teatro Palladium”. In ogni caso la Fondazione spiega che verranno mantenuti in calendario solamente lo spettacolo di Emma Dante ‘Le sorelle Macaluso’ dal 29 gennaio al 9 febbraio, le due collaborazioni con il Teatro di Roma: ‘Il ritorno a casa’ regia di Peter Stein, dal 14 al 26 gennaio, e ‘Journal d’un corps’ di Daniel Pennac, dal 19 al 23 marzo, nonché gli spettacoli del Romaeuropa Festival 2014 dal 22 settembre al 30 novembre. Questa decisione, come spiega la Fondazione: “Si rende necessaria nonostante i risultati ottenuti dalle ultime attività della fondazione che, in una stagione particolarmente difficile per le attività culturali, ha registrato più di 77.741 presenze tra stagione Palladium 2013, ‘Romaeuropa Festival 2013’, ‘Digital Life’ e attività collaterali presso la sede dell’Opificio Telecom Italia. Dati che testimoniano l’attenzione costante del pubblico agli eventi proposti e alle attività di Fondazione Romaeuropa, confermati anche dalla crescente partecipazione alle community online: quasi 370.000 visite uniche durante l’ultima edizione del festival corrispondenti a un incremento del 18,30% accompagnato da un aumento del 30% della attività su Facebook”.

I TAGLI – sarebbero dovuti al bilancio previsionale del 2013, approvato nella notte di venerdì 6 dicembre: “Un altro colpo alla cultura nel cuore della nostra città, in uno dei Municipi che con la cultura rende vivo il suo tessuto sociale – Dichiarano il Presidente della Commissione Cultura Flavio Conia (PD) e i consiglieri del PD in Commissione Alessandra Aluigi, Stefano Pugelli, Federico Raccio e Luca Gasperini – Il bilancio previsionale 2013 lacrime e sangue ereditato dalla Giunta Alemanno modifica l’ammontare delle risorse utili al Teatro Palladium per avviare la stagione teatrale 2014. La Giunta Marino deve ripartire dalle macerie lasciate in questa città dall’ex sindaco Alemanno, gli strascichi sono davanti agli occhi di tutti. Sappiamo che si sta facendo il possibile, vogliamo essere parte di questa lotta. Difenderemo ogni spazio artistico, espressivo, culturale che risiede nel nostro territorio, sono presidi di democrazia e bellezza di cui tutti i cittadini hanno bisogno”. La speranza degli esponenti democratici in Municipio VIII, è che il prossimo bilancio previsionale, quello per il 2014, dia maggiore attenzione alle politiche culturali e ai teatri romani: “Siamo a disposizione dell’Assessora Flavia Barca e della Presidente della Commissione Capitolina Michela Di Biase per metterci al lavoro da gennaio su questi temi. Il bilancio previsionale 2014 sicuramente sarà all’insegna dell’ascolto e del dialogo con le realtà virtuose della nostra città. Il Teatro di Villa Torlonia è ripartito, un bel segnale per Roma, continuiamo su questa rotta”.

L’ASSESSORE ALLE POLITICHE CULTURALI – del Municipio VIII, Claudio Marotta, si è detto preoccupato per la decisione presa dalla Fondazione sull’annullamento della stagione teatrale del 2014: “A fronte dei mancati stanziamenti per l’anno a venire, ci segnala una sconfitta della politica che assorta nel mantra finanziario – sul rispetto degli obblighi di bilancio e del patto di stabilità – rischia di cancellare un’avanguardia artistica che esprime eccellenze a livello europeo – seguita Marotta – Non siamo allarmati solo per la qualità artistica che Roma perderà, ma anche e soprattutto per le maestranze che pagheranno il prezzo più duro perdendo il lavoro – conclude l’Assessore – il Municipio è deciso a far la propria parte affinché il Palladium resti il cuore culturale del quartiere, un bene comune da difendere”.

Leonardo Mancini