Home Municipi Municipio VIII

Tor Marancia: albero caduto blocca l’ingresso del Parco

SHARE
parcoostruito1

Rimane parzialmente bloccato l’ingresso al parco simbolo del quartiere Tor Marancia

L’ALBERO CADUTO – Nella giornata di ieri il Parco della Torre a Tor Marancia ha subito l’ennesimo smacco. Dopo l’incuria nel taglio dell’erba e nella pulizia dell’area, l’illuminazione assente e una fontanella inutilizzabile, adesso anche l’unica via d’accesso al Parco è ostruita. Infatti nella giornata di ieri un albero dopo essersi spezzato è caduto sulla rampa d’accesso al Parco, precludendo di fatto l’ingresso. Questo anche a causa della chiusura della seconda entrata, sbarrata per il rischio di crollo di uno dei muretti che delimitano l’area verde. 

IL TOUR DELL’AREA – In passato avevamo già trattato la vicenda di questo parco, incontrando i ragazzi dell’Associazione Parco della Torre che da tempo richiedono l’adozione dell’area. Con loro avevamo visitato l’intera area riscontrando non pochi problemi, come l’assenza del servizio di apertura e chiusura del cancello, ma anche la presenza di bagni pubblici e di un magazzino pieni di rifiuti e chiusi da tempo. Nemmeno la parte dedicata agli anziani gode di ottima salute, una pista per il gioco delle bocce coperta, che risulta piena di buche e di immondizia: “C’era anche l’illuminazione per la pista, ma ora è rimasto solo un quadro elettrico mezzo distrutto – spiegavano i ragazzi dell’Associazione – inoltre tutto il Parco durante la notte rimane al buio, i cavi dell’illuminazione sono stati smontati e rubati tempo fa”.

IL PROGETTO SULLA RAMPA – Per riqualificare la rampa, adesso ostruita dal tronco caduto, i ragazzi del Parco avevano già pensato di coinvolgere gli studenti della zona: “Qui avevamo intenzione di promuovere un concorso con il vicino Liceo Artistico per realizzare un murales che raccontasse la storia di Tor Marancia, purtroppo una volta imbiancato il muro sono apparse nuovamente le scritte”. L’attesa ora è per la rimozione del tronco, nella speranza che avvenga al più presto. 

Leonardo Mancini