Home Municipi Municipio VIII

Valco San Paolo: il Polo Natatorio pronto per giugno

SHARE
polonatatorio1RID

Riprendono i lavori sull’impianto per i Mondiali di nuoto fermo dal 2009

RIPRENDONO I LAVORI – Sono ripresi i lavori al polo natatorio di Valco San Paolo in zona Vasca Navale. Nel luglio scorso scrivevamo che i lavori di completamento della struttura erano stati assegnati, e che il polo sarebbe stato consegnato per il giugno del 2015. Una data questa che potrebbe, almeno questa volta, essere rispettata. La notizia era già trapelata nelle scorse settimane ma è stata confermata dalla ripresa dei lavori nel cantiere oramai fermo dall’autunno del 2009

LA STRUTTURA – Come molti dei lettori ricorderanno la struttura, composta da due grandi piscine regolamentari coperte e una scoperta, con palestra e uffici. Il costo si aggira attorno ai 19 milioni di euro, ed era stata attiva soltanto per un mese durante l’estate del 2009. Da quel momento in poi il polo natatorio è finito nelle cronache e nel degrado, assieme alle altre strutture sportive inserite nelle indagini sugli appalti per i Mondiali di nuoto. 

IL DEGRADO FINO AD OGGI – Negli ultimi anni avevamo più volte ribadito la necessità di riprendere i lavori per completare l’impianto e per rendere fruibile, anche alla cittadinanza della zona, la struttura sportiva che dovrebbe essere affidata alla FIN (Federazione Italiana Nuoto). Quest’ultima, fino a oggi, ha anche pagato la guardiania h24 sulla struttura. Il polo natatorio, soprattutto negli ultimi anni, era stato lasciato al completo degrado, divenendo in alcuni punti vicini alla recinzione anche una vera e propria discarica di materiali ingombranti e spazzatura comune. 

LA SOLITUDINE ISTITUZIONALE – A dare ufficialmente la notizia della ripresa dei lavori è stato il Presidente del Municipio VIII, Andrea Catarci, attraverso il suo profilo Facebook: “Nella disattenzione dei governi nazionali e delle Giunte comunali che si sono avvicendati dal 2009, il Municipio non ha mai smesso di pretendere una soluzione della vicenda, cioè l’ultimazione dell’opera e la sua consegna alla collettività – afferma il minisindaco – Tale impegno ha ottenuto come risultato la ripresa dei lavori dallo scorso autunno e la previsione di consegna definitiva per giugno 2015, dopo il consolidamento strutturale ancora necessario e il rifacimento dell’impiantistica”.

VIGILARE SUI LAVORI – Per questa struttura, seppur la data di consegna è stata prevista per il prossimo giugno, il condizionale rimane d’obbligo. Per questo il Municipio ha intenzione di mantenere alta l’attenzione sulla vicenda: “Continueremo a vigilare, per avere almeno un lieto fine di una pessima storia – conclude Catarci – insieme a tutti quei singoli e quelle organizzazioni territoriali che non ci hanno fatto mai mancare il loro attivo sostegno e che ci hanno aiutato a superare quella ‘splendida solitudine istituzionale‘ che purtroppo abbiamo vissuto e patito”.

Leonardo Mancini