Home Municipi Municipio VIII

Vasca Navale: i cittadini manifestano contro il mercato abusivo

SHARE
manifestazione vasca navale

“Ripristinare la legalità e riqualificare la zona”, queste le richieste dei residenti

LA MANIFESTAZIONE – Un centinaio di cittadini sono scesi in piazza nella serata di venerdì 19 settembre in zona Pincherle per manifestare contro il mercato Rom che nei fine settimana attira in zona moltissimi acquirenti e venditori. Il mercato dopo essere stato smantellato la scorsa estate da via della Vasca Navale, al costo di un grande schieramento di Forze dell’Ordine per molte settimane, si è spostato seppur in forma ridotta in prossimità dell’ingresso della Facoltà di Ingegneria di Roma Tre. “Inizialmente non sapevamo quale sarebbe stata l’adesione degli abitanti – ci spiega uno degli organizzatori della manifestazione – alla fine con un centinaio di persone ci siamo fatti vedere e abbiamo manifestato il nostro dissenso verso questa situazione”. Dal Centro Destra municipale arriva l’appoggio alla manifestazione, con Simone Foglio, Capogruppo di Fi, che ha dichiarato: “I cittadini di San Paolo e Marconi sono scesi in strada per manifestare contro il degrado e l’abbandono in cui versano questi quartieri. La sinistra al governo del Municipio VIII e della città passi dalle parole ai fatti. Rom, rovistatori di cassonetti, prostitute, abusivismo commerciale dilagante sono ormai fenomeni fuori controllo. È questa la città che aveva in mente il Sindaco Marino?”

I PROBLEMI DELLA ZONA E LE RICHIESTE DEI RESIDENTI – “Un Ateneo come Roma Tre non può permettere una cosa di questo tipo. Inoltre nelle vicinanze continuano a dilagare discariche abusive e prostituzione. Il tutto facilitato dall’illuminazione stradale che non funziona, nonostante le nostre molte segnalazioni”. È facile individuare quali siano le richieste dei residenti della zona Vasca Navale/ Pincherle: “Chiediamo una vera riqualificazione del quartiere, anche con la rimozione degli accampamenti abusivi di Lungo Tevere Dante – spiegano – Chiediamo di non essere dimenticati dalle istituzioni, ogni tanto passa qualche pattuglia, ma la sera non si può uscire di casa. Inoltre pretendiamo che il mercato abusivo non fiorisca nuovamente e che venga bloccato sul nascere”.

NESSUN PROBLEMA CON I ROM DI VASCA NAVALE – Il campo presente da moltissimi anni non creerebbe problemi ai cittadini, che invece spiegano come l’integrazione con il quartiere abbia funzionato: “Il nostro dissenso è contro il mercato di Vasca Navale che – seguitano i cittadini – dal venerdì notte inizia a creare problemi in zona. Inoltre al termine del mercato abusivo anche le condizioni del luogo sono pessime, con immondizia nel mezzo della strada che la rende di fatto impraticabile”. 

DAL MUNICIPIO VIII – Anche il Presidente Andrea Catarci in una nostra recente intervista ha spiegato la sua posizione sulla vicenda del mercato abusivo: “Con uno sforzo enorme dopo tanti anni si era riusciti a chiudere un’attività che non ha nulla a che fare con l’integrazione. Non abbiamo visto neppure il buon senso, una volta tolto il mercato, di non riproporlo”. Sulla presenza di vecchi e nuovi venditori abusivi Catarci aggiunge: “Abbiamo chiesto molte volte, al Gabinetto del Sindaco di non accettare che questo fenomeno riprenda. Ricordando anche lo sforzo fatto la scorsa estate per smantellare il mercato. Ho una lettera di un gruppo di italiani che vanno a vendere li, mi dispiace ma non è in un contesto difendibile o che possa assumere una qualche forma di legalità – aggiunge – Ci sono meccanismi con cui vengono venduti i posti in questo mercatino, che dura da troppo tempo. Io non strillo al capro espiatorio, questo lo lascio fare a quella destra che ha una cultura diversa dalla mia. Questo non vuol dire tollerare o non capire che questi fenomeni sono devastanti per le relazioni nei quartieri, ma voglio governarle nella maniera più costruttiva possibile – conclude Catarci – riempiendo quei vuoti di territorio che sono soggetti a questi utilizzi”.

Leonardo Mancini