Home Municipi Municipio VIII

Via Carpaccio: “Dove sono finiti i suggerimenti dei cittadini?”

SHARE
tenutatorma1RID

Dalla rubrica ‘La Parola ai Lettori’ una segnalazione sulla pericolosità di via Carpaccio

VIA CARPACCIO – Due differenti segnalazioni giunte alla nostra Rubrica ‘Parola ai Lettori’, hanno riacceso l’interesse per il destino di via Ettore Carpaccio alla Montagnola. La strada di collegamento con via Grotta Perfetta ogni giorno viene percorsa da moltissime autovetture che cercano di aggirare il quartiere per raggiungere via Cristoforo Colombo. 

LA SEGNALAZIONE – “Quando, ai tempi delle riunioni in Municipio per il Bilancio partecipato, fu chiesto a più voci di rendere quel tratto a doppio senso per gli innegabili vantaggi che ne sarebbero derivati, ci fu detto che non si potevano sacrificare le cospicue aree di verde interessate al riguardo – ci scrive un nostro lettore – Ora invece vediamo che tale operazione è avvenuta e proprio dove si potrebbe realizzare il secondo senso di marcia senza sacrificare alcun albero”. Il riferimento del nostro lettore è ai lavori per le aree di parcheggio del Parco di Tor Marancia, da tempo fermi per il sequestro dell’area da parte del Corpo Forestale dello Stato. “L’opera è però da tempo incompiuta e tutto è rimasto bloccato – conclude il lettore – Non sarebbe stato meglio affrontare con maggiore senso di responsabilità la proposta e i suggerimenti a suo tempo avanzati dai tanti cittadini?”. 

PROCESSO PARTECIPATIVO – Una domanda che purtroppo difficilmente potrà avere una risposta, visto che l’area in questione ricade completamente all’interno del territorio vincolato per la costruzione del Parco. In sede di processo partecipativo sul progetto della Tenuta, molti cittadini avevano però sollevato la questione. In particolare si è parlato lungamente sulla pericolosità del tratto di strada a senso unico di via Carpaccio. Con autovetture che imboccano la strada in discesa a velocità sostenuta e le intersezioni indispensabili per l’entrata e l’uscita dal nuovo parcheggio. 

Leonardo Mancini