Home Rubriche Go Green

Volontariato e aree verdi: lanciata l’assemblea contro le nuove regole del Comune

I volontari: “A comitati e associazioni vanno tutti i costi, mentre il Comune avrà il solo compito di controllare”

SHARE
parco commodilla repertorio

AREE VERDI – Lo scorso aprile sono state varate dal Comune le linee guida per la gestione delle aree verdi, mentre i primi di agosto sul sito di Roma Capitale è apparso il modulo utile alla richiesta di autorizzazione, per privati e associazioni, allo svolgimento di giornate di pulizia a manutenzione delle aree verdi. Prima di questa normazione le singole realtà che su Roma si occupano di queste manutenzioni, su base totalmente volontaria, richiedevano autorizzazioni ai dipartimenti oppure ai Municipi. Se l’uniformazione di questi iter può sembrare utile a snellire le procedure, tutt’altra cosa sono i maggiori oneri, economici e burocratici, che sono ricaduti sulle realtà dell’associazionismo.

LE REAZIONI – A raccontare le reazioni di molte realtà è il Comitato Parco Giovannipoli, che da anni si occupa della manutenzione del Parco delle Catacombe di Commodilla nel quartiere di Garbatella. “Sotto accusa, almeno dal nostro punto vista, l’introduzione di un percorso burocratico che ci complica la vita invece di aiutarci, la richiesta specifica dell’assicurazione che potrebbe richiedere maggiori oneri finanziari rispetto a quelli attuali di tutto rispetto e l’assoluta mancanza di strumenti in grado di aiutare concretamente i volontari che da anni si occupano di mantenere fruibili aree verdi in sostituzione di Amministrazioni inadempienti”.

L’ADOZIONE DELLE AREE VERDI – Anche per quanto riguarda l’adozione delle aree le difficoltà per i cittadini volenterosi sembrano essere notevolmente cresciute: “Parliamo di 10 sfalci l’anno, 10 bordature superfici inerbite, pulizia delle superfici pavimentate, inerbite e pavimentate 2 volte la settimana, cambio cestini 2 volte la settimana, manutenzione ordinaria delle siepi 2 volte l’anno – aggiungono dal Comitato – la nostra piccola esperienza onestamente ci racconta un altro modello. Il tutto avviene sempre senza nessun tipo di strumento, senza nessuna condivisone di responsabilità e collaborazione tra le parti. L’unico compito del Comune sarebbe quello di vigilare che tutto sia svolto a regola d’arte”.

L’APPUNTAMENTO – A fronte di questo nuovo pacchetto di regole, i cittadini del Comitato Giovannipoli hanno deciso di organizzare un’assemblea aperta alla cittadinanza e a tutte quelle realtà che nel panorama romano si occupano volontariamente del verde pubblico. L’appuntamento lanciato è per sabato 16 settembre alle 18.30 in via Giovannipoli presso il Parco delle Catacombe di Commodilla. “Sappiamo tutti che il problema delle aree verdi non è certamente nato oggi, ma la nostra piccola esperienza ci mette in allarme su quanto tutto stia diventando molto più complesso”.

Leonardo Mancini