Home Municipi Municipio XI

Chiosco vandalizzato a Villa Bonelli: dal Municipio si parla dei tempi del bando

SHARE

VILLA BONELLI – Dopo gli atti vandalici nei confronti del chioschetto di Villa Bonelli, e le critiche mosse dalle opposizioni in merito alla lentezza nella realizzazione di un bando per una nuova assegnazione di questo spazio, è l’assessore municipale al Patrimonio, Stefano Lucidi, a spiegare i motivi del ritardo.

GLI ATTI VANDALICI – In primis l’assessore ha rilasciato un commento in merito a quanto accaduto nella notte tra il 2 e il 3 gennaio: “Atti vandalici in quell’area ci sono sempre stati, sia prima che dopo la chiusura del chiosco in attesa della riassegnazione – ha spiegato Lucidi – questo perchè la recinzione della villa non è completa e in alcuni punti viene puntualmente divelta ad ogni riparazione. Inoltre spesso abbiamo avuto lamentele per i cancelli che non venivano chiusi e per autovetture parcheggiate all’interno della villa”.

LENTEZZE AMMINISTRATIVE – Una situazione non proprio idilliaca, che fa il paio con delle difficoltà amministrative non indifferenti. “La Convenzione scadeva a maggio 2013, ma da allora fino al dicembre del 2015 non c’è stato nessun bando – seguita Lucidi – c’è solo una lettera generica da parte della direzione del Municipio che non è un atto ufficiale”. Il bando arriva solo nel dicembre del 2015, con scadenza a febbraio del 2016, ma quelle buste non vengono aperte: “Con la ricognizione del patrimonio è emersa questa situazione – spiega l’assessore Lucidi – abbiamo quindi chiesto di annullare e di rifare il bando nel febbraio del 2017, ma abbiamo dovuto seguire il ricorso presentato dal gestore“, che è stato vinto dal Municipio ma che ha comunque fatto perdere parecchio tempo.

ALTRI PROBLEMI SULLA STRUTTURA – Inoltre sulla struttura ci sarebbero altre difficoltà da risolvere prima ancora di arrivare ad un bando e all’assegnazione, soprattutto dal punto di vista delle utenze: “Abbiamo dovuto far calcolare i costi delle utenze, dato che fino ad oggi erano state legate a quelle del Comune, inoltre con gli uffici tecnici abbiamo riscontrato alcuni abusi edilizi e il bando è in ulteriore ritardo perchè l’immobile non risulta accatastato e abbiamo dovuto attivare questa procedura”.

I TEMPI DEL BANDO – Tempi lunghi quindi, ma nella speranza che il nuovo bando, nel quale dal Municipio assicurano sarà presente anche un disciplinare sulle manutenzione del verde da portare avanti, arri al più presto.

Red