Home Municipi Municipio XI

Ciclabile Magliana: ad un mese dall’incidente mortale ancora nessun intervento

SHARE
incidente ciclabile magliana 8 ottobre 2016

La denuncia sull’inerzia dell’Amministrazione lanciata dall’Associazione BiciRoma

È una nota dell’Associazione BiciRoma a riportare l’attenzione sull’incidente avvenuto l’8 ottobre sulla pista ciclabile di Lungotevere Magliana costato la vita ad un ciclista romano di 48 anni.

Dall’associazione sottolineano come, ad un mese dall’incidente mortale, nulla sia stato messo in opera per migliorare la sicurezza di una tratto di ciclabile segnalato per la sua pericolosità già dal 2004.

Riportiamo quanto inviato dall’Associazione: “Un mese fa verso quest’ora il Dr Artiaco perdeva la vita per l’incuria in cui versava e versa tutt’ora la pista ciclabile a Lungotevere della Magliana dove sulla ciclabile mancava e manca la segnaletica orizzontale e verticale che lo portava al suo fatale incontro con un furgoncino.

Resta la rete arancione e l’interdizione per i ciclisti, una misura che veniva annunciata come emergenziale e di breve durata ma che dopo un mese è ancora lì.

Resta, ad oggi sulla carta, il bel progettino in seconda stesura il primo si vede che non era perfetto, che la collettività avrà anche pagato ai progettisti dell’Agenzia della mobilità che lo ha redatto, ma ad oggi non si sono avute notizie su quando partiranno i lavori.

L’Amministrazione comunale latita, non dà segni di voler mettere in sicurezza quel punto che già nel 2004 avevamo segnalato pericoloso e in quell’occasione avevamo scritto cosa sarebbe potuto accadere così come è purtroppo effettivamente accaduto.

Un’amministrazione che si sta chiudendo a riccio senza alcun dialogo bilaterale ma solo unilaterale, facciamo la bike lane qui o lì ma di quello che serva a garantire la sicurezza di chi va in bici non lo vogliono neanche affrontare e la situazione resta di grande pericolo.

La dorsale Tevere ancora tagliata in due sotto ponte Sublicio e per la quale non si sa quando vi sarà riapertura non ha alternative se non la strada.

La Sindaca Raggi incontrava i ciclisti in campagna elettorale, avevamo sperato che anche dopo si comportasse allo stesso modo ma pare che non sia così”.