Home Municipi Municipio XI

Degrado nel parcheggio della Stazione Villa Bonelli

La denuncia della Lega: “L'area è diventata un presidio di vandali”

SHARE

MAGLIANA NUOVA – È il capogruppo della Lega in Municipio XI, Daniele Catalano, ad aver raccolto numerose denunce da parte dei residenti della zona in merito allo stato in cui versa il parcheggio della Stazione Villa Bonelli: “Sono ormai mesi che riceviamo segnalazioni e denunce da parte della cittadinanza che vive in prossimità della stazione – spiega Catalano – da una parte c’è il problema legato all’insicurezza della stessa con tanto di nomadi, dall’altro non possiamo non denunciare come il parcheggio attiguo alla stazione del treno sia diventato un luogo di vandalismo e bivacco”.

TERRA DI NESSUNO – La situazione, stando a quanto riferito dai cittadini, peggiora notevolmente in orario notturno, “soprattutto dal crepuscolo sino a notte fonda il luogo diventa terra di nessuno – aggiunge il consigliere leghista – anche perché nel primo parcheggio (venendo da Marconi) le sbarre sembrerebbe che restino molto spesso alzate e pertanto è facilissimo accedervi e fare quel che si vuole, interrompendo frequentemente il riposo dei cittadini con musica alta, liti e chiasso”.

IL DEGRADO – Prova di questa situazione è lo stato di assoluto degrado in cui versano alcune aree del parcheggio, come il vialetto che porta all’ingresso della stazione, “qui – prosegue Daniele Catalano – si può trovare qualsiasi cosa, dalle bottiglie di vetro alle siringhe fino a dei luoghi di bivacco nei pressi dell’ex bar della stazione”.

LE SEGNALAZIONI – Dalle opposizioni in Municipio Xi in questi ultimi anni non sono comunque mancate le segnalazioni e gli atti che denunciavano questa situazione: “Sono due anni che inviamo note e segnalazioni a Rfi e alla giunta municipale per richiedere un tavolo tecnico che possa dirimere queste enormi criticità, ma ad oggi tutto tace ennesima dimostrazione dell’immobilismo grillino – conclude il consigliere Catalano – Depositerò nelle prossime ore una mozione per richiedere l’attivazione di un progetto partecipato insieme a Rfi, comitati e cittadini per la messa in sicurezza e la valorizzazione dell’area”.

LeMa