Home Municipi Municipio XI

Furto di Rame dalla cabina Acea di via Lenin, cittadini al buio per ore

Un nuovo furto dei cavi di rame ha costretto molti negozianti ad abbassare la saracinesca. Catalano Fdi: “Presenterò un’interrogazione per chiedere l’installazione di telecamere”

SHARE
furto di rame repertorio

IL FURTO – Un nuovo furto di rame ha interessato il quadrante di Villa Bonelli nei giorni scorsi. Ad essere colpita questa volta è stata la cabina elettrica dell’Acea tra via Lenin e via dell’Imbrecciato. “Hanno rubato così tanti cavi e fili di rame da lasciare i negozianti e i residenti delle vie limitrofe senza elettricità per ore ed ore – spiega il consigliere di Fdi in Municipio XI, Daniele Catalano – Molti degli esercenti sono stati costretti ad abbassare la serranda del proprio negozio anticipatamente, per via di queste disservizio, così da avere un danno economico non indifferente”.

IL DANNO PER I CITTADINI – Sempre Catalano segnala come lo sbalzo di tensione dovuto al furto dei cavi di rame abbia provocato non pochi problemi ai cittadini della zona: “Nel momento in cui sono stati rubati i cavi sono saltati gli apparecchi elettrici provocando un corto circuito che ha determinato la fusione degli oggetti stessi, per cui i residenti sono stati costretti a buttare caldaie, aspirapolveri, televisori. Inutile sottolineare come molti di questi cittadini abbiano rivolto la propria rabbia verso il campo nomadi abusivo di Via dell’Imbrecciato, visto che molte volte si ritrovano cavi di questo tipo all’interno degli insediamenti della capitale”.

L’INTERROGAZIONE – La richiesta dell’esponente di Fdi è per l’installazione di telecamere in alcuni luoghi sensibili del territorio, per dissuadere il furto del rame: “Depositerò un’interrogazione per chiedere al Presidente Torelli ed alla giunta di poter valutare, insieme ad Acea e gli uffici competenti, l’installazione di alcune telecamere nei luoghi maggiormente interessati da questo tipo di fenomeni criminogeni che gravano sulle spalle dei romani, e soprattutto in prossimità dei campi nomadi del Municipio XI, così da poter garantire maggiore vigilanza e sicurezza al nostro territorio”.

(Foto di repertorio)